Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
1 di 52
Salerno (Campania) - 26 Maggio 2012

Gay Pride 2012 Da Salerno Un Messaggio Di Speranza

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-

di GIANLAG

Sono sfilati in 3000 per le strade del centro e del lungomare di Salerno per il Pride 2012 che ha iniziato dalla Campania la maratona che lo porterà in diverse città italiane prima della manifestazione nazionale di Bologna del 9 giugno. Dal concentramento di piazza Vittorio Veneto fino al termine del percorso in Piazza Amendola dove si sono tenuti concerti per tutta la notte di gruppi musicali locali, tra il corteo dei manifestanti è stata una discoteca all'aperto, con i tre carri che hanno sparato musica house a tutto volume e le drag queen a ballare sui carri. In testa al corteo, oltre ai noti Vladimir Luxuria e Alessandro Cecchi Paone, il sindaco di Sicignano Alfonso Amato con la fascia tricolore d'eccezione, i responsabili della manifestazione di Salerno e la lucana Nadia Gray. Tanta enfasi ed entusiasmo tra le strade di Salerno con i cittadini pronti a salutare con sorrisi e baci il passaggio dei manifestanti applauditi anche per il carosello di colori e striscioni, tra tatuaggi e provocazioni al pudore, maschere arlecchinate e caricature del falso decoro, in barba ad ogni moralismo, Salerno quindi vetrina di speranza per nuovi messaggi da far comprendere a chi ancora ha molti pregiudizi e resistenze come ha sottolineato la stessa Vladimir Luxuria nel suo intervento conclusivo "da Salerno e dal Sud parte un forte messaggio di speranza per il Paese". Un successo per l'Amministrazione Comunale di Salerno nella convinzione che forse ormai ogni evento, purchè costituisca un traino di popolo o di gossip, debba esser ben accetto, per far crescere popolarità e notorietà dei luoghi ? O anche per dimostrare che esiste una voglia di candidarsi in circuiti europei sempre più come città del benessere, piuttosto che della crisi. Infine un duro attacco ai rappresentanti della Chiesa dopo lo scandalo dei documenti segreti sottratti al Papa è stato lanciato dal giornalista Alessandro Cecchi Paone che ha detto "loro sono falsi moralisti, noi siamo persone vere e trasparenti". Una manifestazione quella di Salerno riuscita, in attesa di quella del 30 giugno di Napoli, ma soprattutto di quella nazionale di Bologna in programma il prossimo 9 Luglio.

Più visti della settimanaTutti