Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
1 di 28
Olginate (Lecco, Lombardia) - 17 Ottobre 2016

Emanuele Locatelli e Mirko prima unione civile in paese

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-

di LocatelliEmanuele

Olginate: Emanuele e Mirko prima unione civile in paese, 'il nostro amore riconosciuto' “Oggi è una giornata speciale e una grande vittoria perché il nostro amore viene finalmente riconosciuto”. Emanuele Locatelli e Mirko Sangalli hanno sottoscritto la loro unione civile – la prima celebrata in paese - nella mattinata di oggi, venerdì 14 ottobre, all’interno dell’aula consigliare del comune di Olginate. Di fronte all’ufficiale di stato civile - l’ex assessore ai servizi sociali Patrizia Martinoli, che gli è stata accanto nel lungo percorso che li ha portati a tagliare l’atteso traguardo – i due giovani olginatesi hanno pronunciato il loro “sì”, dopo essersi dichiarati consapevoli dei diritti, dei doveri e degli obblighi che derivano dalla costituzione dell’unione civile, in base all’articolo 1 (commi 11 e 12) della legge 20 maggio 2016 n. 76, nota come “legge Cirinnà”. Giunti in Comune visibilmente emozionati, Emanuele e Mirko hanno trovato ad attenderli parenti e amici, gioiosi e commossi nel partecipare ad una cerimonia che, seppur nella sua semplicità, ha avuto per la coppia un significato speciale. “La legge così come è ora presenta aspetti che possono essere migliorati, ma è importante perché ci consente di essere riconosciuti a tutti gli effetti” ha spiegato Emanuele. “Ci siamo subito informati presso gli uffici comunali sulle modalità per arrivare a questo risultato, ringraziamo Patrizia Martinoli e il sindaco Marco Passoni per averci supportato, unitamente a Manuela Scaccabarozzi”. Nel 2015 i due olginatesi avevano sottoscritto un “contratto di convivenza” di fronte ad un notaio, per mettere nero su bianco la volontà di provvedere al reciproco mantenimento e all’assistenza morale e materiale in caso di bisogno. Con la firma di oggi – unitamente a quella dei testimoni Michele e Massimo – hanno accettato l’acquisizione degli stessi diritti e l’assunzione dei medesimi doveri, nonchè l’obbligo reciproco all’assistenza morale e materiale e alla coabitazione. Articoli e commi hanno poi lasciato spazio alle emozioni, con uno scrosciante applauso di parenti e amici e il bacio tra Emanuele e Mirko, a coronare una mattinata indimenticabile