Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
1 di 2
Trento (Trentino-alto Adige) - 21 Giugno 2012

Doppelmayr sponsorizza le Feste Vigiliane di Trento

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-

di Doppelmayr

Una funivia in pieno centro? E' quanto ci auguriamo di vedere nelle città del futuro, dove futuristici impianti ci consentiranno di sorvolare il traffico urbano godendoci il panorama nel massimo comfort. Ed è anche la proposta di Doppelmayr Italia che, come Main Sponsor, presenta ai 250 mila ospiti delle Feste Vigiliane un esempio delle proprie soluzioni funiviarie applicate al trasporto urbano. Le Feste Vigiliane Un centinaio le iniziative in programma per le Feste Vigiliane, con spettacoli ed attrazioni di vario tipo ed un ampia vetrina dedicata alla gastronomia; il "Palio dell'Oca" con la "Tonca" e la "Mascherada dei Ciusi e dei Gobi", il giorno del Patrono riporteranno le tradizioni storiche trentine in primo piano. Da non perdere la Magica Notte, una grande festa cittadina in ogni angolo del centro fino alle 4 del mattino. Le spese organizzative sono state coperte per la metà da aziende private, tra le quali Doppelmayr Italia, azienda di Lana (BZ) impegnata da decenni nel trasporto funiviario. Un'automobile consuma 248 grammi di CO2 a chilometro, una funivia solo 27 Il trasporto passeggeri in ambito urbano, al fine di risolvere i problemi di traffico, è una delle sfide che attendono gli urbanisti nei prossimi anni. Gli impianti a fune risolvono egregiamente le esigenze e superano le limitazioni dei convenzionali sistemi di trasporto. Con il loro basso impatto ambientale sono la soluzione più indicata ed ottimale per soddisfare ogni esigenza. L'energia necessaria per il trasporto di una persona per chilometro (persona al km) comparata con l'emissione in CO2 calcolata in grammi consente di ottenere dati paragonabili per vari mezzi di trasporto. Con un riempimento del 50%, l'impianto a fune ha la minore emissione di CO2 nelle condizioni di trasporto verso monte, in pianura, in estate ed inverno e pertanto si colloca in testa a questa graduatoria. Un'automobile a benzina consuma in pianura in media 248 grammi di CO2 per persona e chilometro, un autobus diesel 38,5 grammi, ed un treno con locomotore elettrico 30 grammi. Una funivia solo 27 grammi. Con un incremento del riempimento di passeggeri l'efficienza energetica della funivia può aumentare ulteriormente e le emissioni di CO2 per persona ridursi ancora notevolmente. La ditta Doppelmayr di Lana, specialista in impianti a fune, realizza efficienti sistemi di trasporto persone per zone turistiche estive ed invernali, ma non solo: anche per città, aeroporti, centri commerciali, parchi divertimento, fiere e simili Doppelmayr mette a disposizione moderni sistemi di trasporto pubblico. La cabina a Trento La cabina in esposizione a Trento, che ospiterà le dirette di Radio Dolomiti, è stata realizzata per la cabinovia urbana di Coblenza, in Germania, che sorvola la confluenza del Reno e della Mosella conducendo dall'"Angolo tedesco", dove si trova la famosa statua equestre dell'imperatore Guglielmo I, alla fortezza di Ehrenbreitstein, posta oltre il corso d'acqua. Un investimento di 12 milioni di euro ne ha consentito la realizzazione in 14 mesi di lavoro. Nella progettazione della funivia si sono tenute in particolare considerazione le esigenze del trasporto pubblico urbano e l'aspetto architettonico. Così le stazioni sono opera del famoso designer Werner Sobek di Stoccarda e l'impianto offre particolari soluzioni che consentono, anche in caso di gravi avarie tecniche, di riportare tutte le vetture nelle stazioni; per la prima volta si è detto quindi addio alle complicate e disagevoli operazioni di soccorso in linea, spianando la strada a questo nuovo ambito di applicazione. Un impianto simile è appena stato terminato a Londra e verrà inaugurato in occasione delle prossime Olimpiadi. Sorvolando il Tamigi la spettacolare cabinovia urbana collega Il Royal Victoria Dock alla penisola North Greenwich; particolari ed uniche architetture dei sostegni di 80 metri la renderanno sicuramente un nuovo e moderno simbolo della città.