Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
1 di 2
Padova (Veneto) - 9 Ottobre 2015

Domenica l'Esercito in azione con i suoi artificieri

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-

di schultz

GLI SPECIALISTI DELL’ESERCITO ITALIANO FARANNO BRILLARE DOMENICA DUE BOMBE D’AEREO RINVENUTE A CAMPOSAMPIERO (PADOVA) E A PIANORO (BOLOGNA) Domenica 11 ottobre 2015. Gli artificieri dell’Esercito, su richiesta delle competenti Prefetture, interverranno nella provincia di Bologna e di Padova per il disinnesco e il brillamento di due bombe da 500 libbre risalenti alla 2^ Guerra Mondiale. In particolare, le operazioni di disinnesco saranno condotte, a partire dalle ore 08.00, in località Pian di Macina, frazione dell'abitato di Pianoro (BO) in prossimità del greto del fiume Savena, dagli artificieri del Reggimento genio ferrovieri di Castelmaggiore (BO). L'ordigno, di fabbricazione americana, è stato immediatamente messo in sicurezza dagli artificieri dell’Esercito perché ancora attivo e con una carica esplosiva di circa 125 kg. di tritolo. Per tutta la durata dell’operazione saranno evacuate circa 4000 persone nel raggio di 1800 metri dal luogo del ritrovamento nonché, come disposto dall’ordinanza del Comune di Pianoro, sarà interdetto, entro tale raggio, la circolazione veicolare e pedonale. Nella stessa giornata cominceranno, a partire dalle ore 09.00, le operazioni di bonifica dell’ordigno rinvenuto nel Comune di Camposampiero (Padova) durante i lavori di demolizione di un cavalcavia ferroviario dismesso. Qui, interverranno gli artificieri del 2^ Reggimento Genio Guastatori di Trento. Il Prefetto di Padova, con apposita ordinanza, ha adottato i provvedimenti a tutela della sicurezza e pubblica incolumità disponendo, tra l’altro, lo sgombero di tutti gli edifici e le strade entro un raggio di 600 metri dal luogo di ritrovamento dell’ordigno e, comunque fino a 1700 metri, l’obbligo di riparo al chiuso e il divieto assoluto di circolazione e sosta. L’area evacuata e interdetta alla circolazione sarà costantemente vigilata dalle Forze dell’Ordine con il concorso della Polizia Locale. Le operazioni si concluderanno presumibilmente nel tardo pomeriggio. L’Esercito, grazie alle esperienze maturate in Italia e all’estero, attraverso le capacità dual-use dei propri reparti Genio, oltre all’impiego operativo nelle missioni internazionali, è in grado d’intervenire nei casi di pubbliche calamità per garantire la sicurezza della collettività, dimostrandosi sempre una risorsa per il Paese come nei recenti interventi di Olbia e Piacenza. #noicisiamosempre