Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
1 di 3
Bologna (Emilia-romagna) - 24 Maggio 2012

Concerto in onore di Gustav Leonhardt

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-

di TeamRoncarati

Musica in San Colombano. Collezione Tagliavini (via Parigi, 5 ? Bologna) GIOVEDÌ 24 MAGGIO 2012 ore 20.30 Concerto in onore di Gustav Leonhardt (*30 maggio 1928 ?16 gennaio 2012) La partecipazione ai concerti è consentita solamente previa esibizione di un coupon, da ritirare presso San Colombano. Collezione Tagliavini (via Parigi, 5) a partire dal sabato precedente i concerti fino ad esaurimento dei posti disponibili. www.genusbononiae.it www.facebook.com/genusbononiae www.twitter.com/genusbononiae www.flickr.com/photos/genusbononiae Questa serata, di cui avrebbe dovuto essere protagonista Gustav Leonhardt, è dedicata alla memoria di questo grande artista scomparso il 16 gennaio scorso. L'omaggio gli è reso da interpreti che sono stati a lui strettamente legati. Il flautista Barthold Kuijken, assieme ai suoi due fratelli, il violinista Sigiswald e il violoncellista e gambista Wieland, fa parte della "Petite Bande", fondata nel 1972 da Sigiswald che ne assunse la direzione assieme a Leonhardt. Di questo complesso musicale è membro ora anche il clavicembalista Ewald Demeyere. La serata si apre e si chiude con capolavori di due maestri che furono tra i preferiti di Gustav Leonhardt: Johann Jakob Froberger e Johann Sebastian Bach. Del primo risuoneranno le note dell'incomparabile Lamento sopra la dolorosa perdita della Real Maestà di Ferdinando IV Re de Romani, che Gustav Leonhardt amava particolarmente e che meglio di ogni altro si addice a commemorare chi fu un vero e proprio "sovrano" della musica. Di Bach si ascolterà la grande Sonata in si minore per flauto traverso e cembalo obbligato. Il concerto è anche un omaggio alla grande tradizione musicale neerlandese - a cui apparteneva Leonhardt - e fiamminga, di cui sono esponenti i due interpreti. E un ideale legame viene stabilito tra questa tradizione e quella italiana, grazie alle sonorità del clavicembalo costruito a Roma nel 1681 dal fiammingo Mattia di Gand e alla musica di Pietro Antonio Locatelli, che svolse la maggior parte della sua attività ad Amsterdam. Programma Johann Jakob Froberger 1616-1667 dalla Suite VI (1656) Lamento sopra la dolorosa perdita della Real Maestà di Ferdinando IV, Re de Romani &c Gigue Courante Sarabande François Couperin 1668-1733 le Grand Concert Royal I (1715) Prélude (gravement) Allemande (légèrement) Sarabande (mesuré) Gavotte (notes égales et coulée) Gigue (légèrement) John Dowland 1563-1626 / William Byrd 1540-1623 Pavana Lachrymae (da Fitzwiliam Virginal Book) Pietro Locatelli 1695-1764 Sonata in sol minore op. 2 nr. 6 (1632) Largo Allegro Largo Allegro Anonimo fiammingo Le Luttin (Allegro) e Andante (da Deel eener verzameling van muziekstukken voor clavecimbel) F. I. de Boeck 1715-1790 Allegro (da Sonata V, Six Suittes Pour le Clavi-Cembalo ou l'Orgue, opera seconda) Johann Sebastian Bach 1685-1750 Sonata in si minore BWV 1030 Andante Largo e dolce Presto Barthold Kuijken (flauto traverso) Ewald Demeyere (clavicembalo) Flauti di Godfridus Adrianus Rottenburgh (Bruxelles, sec. XVIII) e di Alain Weemaels (Bruxelles, 1999), copia di Hotteterre (Versailles, c. 1710) Clavicembali di Giovanni Battista Giusti di Lucca (Ferrara, 1679), di Mattia di Gand (Roma, 1685), e di Giuseffo Maria Goccini (Bologna, 1721) Spinetta traversa (épinette à l'italienne) di Louis Denis (Parigi, 1681)

Più visti della settimanaTutti