Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
1 di 3
Arcinazzo Romano (Roma, Lazio) - 24 Aprile 2018

ARCINAZZO: Passato da Ricordare. 25 Aprile e Primo Maggio.

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-

di giorep

ARCINAZZO R. Passato da Ricordare. Tra il 25 aprile ed il 1° Maggio si terrà ad Arcinazzo una mostra fotografica e documentale dal titolo Passato da ricordare. La mostra è stata allestita nella Casa della Cultura nei pressi della Piazza S.Lucia nel giorno più importante per la Repubblica, la festa della Liberazione dal nazismo e dal fascismo proseguendo sino al Primo Maggio Festa dei Lavoratori. “Questa manifestazione – sostiene Domenico De Santis che l’ha curata – è l’inizio di una serie di iniziative che mirano a rendere fruibili a tutte le persone che desiderano visitarla, un valore artistico-culturale, completato da tradizioni popolari che hanno espresso mestieri, momenti di vita familiare, giochi ormai dimenticati ed altri momenti di vita quotidiana. Tutto ciò è significativo per non far dimenticare alle giovani generazioni il valore del vissuto storico di chi li ha preceduti. In un mondo come quello attuale fatto di velocità a più riprese, il tentativo di far dimenticare il passato è forte e mette a rischio oltre al patrimonio culturale anche il valore delle radici che lo hanno composto”. E’ importante che giovani i quali hanno fondato una associazione culturale, ripartano dalla riscoperta dei valori della memoria storica del Paese comprensiva di arti, mestieri antichi e tanti altri momenti di vita quotidiana che non solo non possono far dimenticare il dna di Arcinazzo, caratterizzato da gente decisa e nel contempo umili e generosa, ma anche di riscoprire e valorizzare il Paese nella sua interezza. Le foto rigorosamente in bianco e nero descrivono momenti di vita paesana come giochi “ruba bandiera”, il gioco del “cerchio in piazza” e tanti altri. G. De Santis