Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
San Severo (Foggia, Puglia) - 14 Aprile 2017

vergogna!! rubare anche in una scuola materna»

vergogna!! rubare  anche in una scuola materna»
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp
SAN SEVERO - Scolari sanseveresi costretti a fare a meno di strumenti didattici a causa degli ultimi furti che hanno colpito il plesso scolastico «Andersen» di via Gabriele D’Annunzio nella città dell’alto Tavoliere. A segnalare quanto accaduto sono i genitori degli alunni che hanno attaccato un cartello al cancello della scuola per far conoscere a tutti il loro disappunto nei confronti di azioni messe in atto da vanbali e ladri. «Derubare é sempre un gesto deprecabile» spiegano dal comitato dei genitori «ma farlo a danno delle scuole che vivono già momenti caratterizzati da ristrettezze economiche, e a danno della formazione dei nostri figli lo è ancora di più.

Chi danneggia una comunità dovrebbe vergognarsi». Dal comitato dei genitori si appellano anche all’amministrazione comunale affinché preveda un fondo per le scuole che subiscono furti e razzie di materiale didattico, oltre a predisporre controlli e sistemi di sorveglianza anche nei pressi degli edifici scolastici. «Che esempio diamo ai nostri figli» aggiungono i genitori «se si vedono sottratti degli strumenti di gioco o di didattica da un giorno all’altro senza che gli stessi vengano ripristinati? Come fa la legalità ad essere inculcata nei più piccoli cosi come lo stesso senso di giustizia se poi alla fine ad averla vinta sono questi ladruncoli?

Ci auguriamo che l’amministrazione comunale si preoccupi sempre più di mettere in sicurezza gli edifici scolastici della città anche contro i furti che purtroppo continuano a verificarsi. Inoltre auspichiamo l’attivazione di un fondo per fronteggiare la carenza delle risorse didattiche più importanti al fine di non penalizzare la formazione degli studenti». A.Ciav.
Fonte< GDM