Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Colombia, Estero - 30 Novembre 2016

"E' finito il carburante": la terribile ipotesi sull'incidente aereo in Colombia

Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp
Ufficialmente la causa dell'incidente è il "blackout elettrico".


Ma l'agenzia per l'aviazione civile riporta: "Sul luogo nessuna traccia di combustibile"


Redazione Tiscali
Otto minuti senza carburante, il vano tentativo di un atterraggio di emergenza e poi lo schianto.

Emergono i primi particolari sull'incidente aereo avvenuto a sud di Medellin in Colombia che ha sterminato la squadra di calcio della Associação Chapecoense de Futebol (nota semplicemente come Chapecoense). Il tragico bilancio dell'incidente è di 71 morti e 6 sopravvissuti.

Le squadre di soccorso colombiane hanno recuperato le scatole nere dell'aereo e ora si cerca di fare chiarezze sulle cause dello schianto.










"Sul luogo della tragedia non c'erano tracce di combustibile"
Ufficialmente si continua a parlare di guasto elettrico ("blackout totale del sistema elettrico"), ma non si esclude nessuna ipotesi. Secondo il responsabile dell'agenzia per l'aviazione civile colombiana, Alfredo Bocanegra, l'aereo potrebbe essere rimasto a secco di carburante. "Sul luogo della tragedia non c'erano tracce di combustibile": ha detto Bocanegra. Rispondendo alla domanda dei media sul fatto se il velivolo boliviano fosse al limite dell'autonomia di volo, Bocanegra ha sottolineato che "se l'aereo avesse avuto sufficiente rifornimento di carburante, o da scaricarne in volo, poi ci sarebbe stata un'esplosione o comunque sul terreno avremmo trovato resti della benzina sparsa nell'ambiente".

Volava su una rotta troppo lunga per la sua autonomia
Ma c'è un altro elemento che confermerebbe implicitamente l'assenza di carburante.









Il BA Avro RJ85 stava volando su una rotta troppo lunga per la sua autonomia. Quindi l'aereo usato per il collegamento non poteva coprire tutta quella distanza, ma non era la prima volta che si viaggiava "al limite".

Rispetto agli altri voli però questa volta l'aereo era più "pesante".

"Siamo in attesa delle registrazioni di volo tra il pilota e la torre di controllo", ha precisato il responsabile dell'agenzia per l'aviazione civile.


Fonte:www.ilgiornale.it/