Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Compiano (Parma, Emilia-romagna) - 5 Maggio 2012

Turismo equestre Fise, tra i Castelli dei Landi

Turismo equestre Fise, tra i Castelli dei Landi
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
Turismo equestre Fise, tra i Castelli dei Landi nell'Appennino Parmense

Per il prossimo fine settimana, 5 e 6 maggio, il Circolo ippico Le Carovane (348 3304294), in provincia di Parma, nell'ambito del Progetto turismo equestre Fise Emilia Romagna, propone un viaggio a cavallo di due giorni alla scoperta di due affascinanti roccaforti medievali

Sabato 5 maggio, il fascino misterioso del castello di Compiano
Il primo giorno cavalli e cavalieri partendo dal Circolo ippico Le Carovane, in provincia di Parma, raggiungeranno il castello di Compiano, sul crinale del colle che domina il Taro e i collegamenti tra Emilia, Toscana e Liguria. Fondato prima del Mille, roccaforte dei Landi fino al 1682, poi dei Farnese, il castello è stato a più riprese ampliato e restaurato. Presenta una struttura massiccia, pianta a pentagono irregolare, chiusa da tre torri rotonde "alla piacentina" e da una quadrata di fattura più antica. Ospita la Collezione "Gambarotta", con oggetti d'arte, arredi e dipinti sei-settecenteschi, oltre alla singolare mostra permanente "Orizzonti massonici".

Domenica 6 maggio, dalla fortezza di Bardi alla cima del monte Pelpi
Arroccata da più di mille anni sopra uno sperone di diaspro rosso, alla confluenza dei torrenti Ceno e Noveglia, la fortezza di Bardi, in Emilia, è uno dei massimi esempi di architettura militare. Appartenne dalla metà del Duecento, e per oltre quattro secoli, ai Landi, principi rinascimentali che battevano moneta su licenza imperiale. Verso la fine del Cinquecento la fortezza viene parzialmente trasformata in elitaria dimora patrizia. Tutti da vedere sono i camminamenti di ronda e le torri, la piazza d'armi, il cortile d'onore e il porticato, la ghiacciaia, le prigioni e le sale di tortura. Conclusa la visita della fortezza, nel pomeriggio, cavalli e cavalieri conquisteranno la cima del monte Pelpi, per godere dello splendido panorama e condividere il bicchiere della staffa, prima del rientro al Circolo ippico Le Carovane.

I percorsi si snodano su strade bianche, tratturi e sentieri, con significativi passaggi lungo il greto dei torrenti e diversi guadi. La percorrenza giornaliera è di 25-30 chilometri. La difficoltà del trekking è medio-alta, per cui occorrono cavalli allenati e abituati ai tratturi di montagna.
Per il programma dettagliato e ulteriori informazioni si può visitare il sito www.emilia-fise.it, o chiamare il numero 348 3304294