Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Trieste (Friuli-venezia Giulia) - 10 Aprile 2017

Trieste e le vie del petrolio, l'evento alla Piccola Fenice

Trieste e le vie del petrolio, l'evento alla Piccola Fenice
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp
Alla Sala Piccola Fenice, a Trieste in via San Francesco 5, martedì 11 aprile, alle ore 18, con ingresso libero, si terrà l'incontro, organizzato da Limes Club - Trieste, sul tema "Le Vie del Petrolio: Arabia - Trieste - Europa Centrale". Introdurrà l'evento Luciano Larivera S.I., direttore del Centro Culturale Veritas. Parteciperanno il presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, Zeno D'Agostino, il general manager TAL presidente e amministratore delegato SIOT, Alessio Lilli, e il product Manager Saipem-Sonsub, Diego Lazzarin. Sponsor dell'iniziativa l'Associazione Spedizionieri del Porto di Trieste, il Centro Culturale Veritas e la Libreria Luigi Einaudi - Trieste.
Il programma dell'incontro appare molto ricco quanto a contenuti, tra l'altro si parlerà anche del fatto che la Base di Trieste della Saipem, situata all'AdriaTerminal nel Porto Vecchio è in procinto di diventare "Polo per la ricerca robotica subacquea" a livello mondiale con il trasferimento di impianti e apparecchiature dagli Stati Uniti, da Huston, con un aumento di posti di lavoro ad alta qualificazione. La Saipem intende infatti compiere un cospicuo investimento economico al Magazzino 23 dell'Adriaterminal per adeguarlo ai nuovi impieghi e attività, che svolgendosi "estero su estero", trovano nel Punto Franco l'insediamento ideale.
Non si mancherà di evidenziare l'importanza strategica crescente del Porto Internazionale di Trieste, come testimonia del resto proprio l'oleodotto TAL/SIOT attraverso il quale viene soddisfatto il 40% del fabbisogno petrolifero della Germania, il 90% dell'Austria ed il 30% di quello della Repubblica Ceca.