Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Salorno (Bolzano) - 3 Giugno 2009

Svizzeri visitano comando truppe alpine

Svizzeri visitano comando truppe alpine
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
DELEGAZIONE DELL'ESERCITO SVIZZERO IN VISITA AL COMANDO TRUPPE ALPINE

Bolzano. Una delegazione di 31 Ufficiale dell'Esercito Svizzero, guidati dal Generale di Divisione Marco CANTIENI, è giunta oggi in visita al Comando Truppe Alpine.
Accolti dal Generale di Divisione Alberto PRIMICERJ, Comandante delle Truppe Alpine, gli ospiti hanno ricevuto un briefing sulla storia e la realtà attuale degli Alpini, che vede i soldati della montagna sempre in prima linea sia sul territorio nazionale, sia nelle missioni d'oltremare.

Al termine del briefing la Delegazione, accompagnata da personale dello staff del Comando Truppe Alpine si è recata all'area addestrativa "Paolo Caccia Dominioni" di Salorno, dove si è svolta l'esercitazione finale del corso sulle procedure e le tecniche per contrastare la minaccia derivante da dispositivi di circostanza che ha avuto inizio lunedì 25 maggio scorso, organizzato dal 2° reggimento genio guastatori della Brigata Alpina "Julia", di stanza a Trento.

In questa sede gli ospiti hanno potuto osservare come gli specialisti del genio si addestrano al rinvenimento e alla neutralizzazione di ordigni improvvisati, mediante l'impiego sia del robot Wheelbarrow Mk2 plus, sia dell'intervento diretto di operatori IED.

E' stato inoltre possibile assistere alle procedure che vengono adottate in caso di attacco diretto da parte di elementi ostili, con neutralizzazione della minaccia e primo soccorso ed evacuazione di feriti.

In considerazione del fatto che il reggimento opera anche nella bonifica di ordigni della 1° e 2° guerra mondiale che frequentemente vengono rinvenuti sia in Veneto che in Trentino alto Adige, è stata allestita una simulazione delle fasi di disinnesco di una bomba d'aereo da 250 kg risalente al secondo conflitto mondiale.

La visita si è conclusa con una colazione di lavoro nei locali del Circolo Unificato "Druso" in Bolzano.

Più visti della settimanaTutti