Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Crevalcore (Bologna) - 28 Aprile 2012

Suggestiva scoperta archeologica al Castello dei Ronchi

Suggestiva scoperta archeologica al Castello dei Ronchi
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
Suggestiva scoperta archeologica al Castello dei Ronchi, in località Bolognina di Crevalcore (BO): un reliquiario del XVII secolo contenente un vetro decorato a foglia d'oro e resti ossei attribuibili a Santa Deodata, martire del IV secolo



"Un tesoro di fede al Castello dei Ronchi. Il vetro dorato paleocristiano e la reliquia di Santa Deodata"

Giornata di studi sabato 28 aprile 2012, dalle ore 9.15

Castello dei Ronchi

via Argini Nord 3277/B

in località Bolognina di Crevalcore (BO)

Il reperto e le reliquie non sono mai stati esposti al pubblico; la giornata di studi è per ora l'unica occasione per vederli. A margine dell'incontro, visite guidate all'area di scavo e al castello, ed esplorazione di un pozzo alla ricerca delle antiche testimonianze della residenza nobiliare (a cura dei subacquei del Gruppo Archeologico Ravennate)



info su www.archeobologna.beniculturali.it



Poco più di otto centimetri di diametro. Tanto misura il vetro dorato di IV secolo d.C, con iscrizione in lingua greca latinizzata e i Santi Pietro e Paolo, rinvenuto nell'agosto 2011, durante lavori di manutenzione e riordino, in una delle teche conservate nel Castello dei Ronchi, in località Bolognina di Crevalcore. Una testimonianza archeologica straordinariamente interessante non solo per la raffinata realizzazione e l'originale iconografia ma perché trovata all'interno di un reliquiario del XVII secolo contenente resti di ossa umane che, come da apposito cartiglio, sarebbero da attribuire al "Corpus Sanctae Deodatae" cioè a Santa Deodata, martire del IV secolo.



Per celebrare la singolare scoperta e approfondire i tanti aspetti legati al vetro e alle reliquie, sabato 28 aprile si confrontano al Castello di Ronchi rappresentanti delle Istituzioni, archeologi e studiosi di diverse discipline. L'incontro offre l'opportunità irripetibile, almeno per il momento, di vedere i reperti finora mai esposti al pubblico e che in futuro potrebbero trovare posto nel Museo Archeologico Ambientale di Crevalcore (in fase di progettazione)

La giornata di studi, curata da Paola Desantis, Silvia Marvelli e Alex Carpani, è promossa da Comune di Crevalcore, Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna, IBC Regione Emilia-Romagna, Provincia di Bologna, Museo Archeologico Ambientale e Unione Terre d'Acqua

Il programma della giornata prevede alle ore 9.15 l'apertura dei lavori con interventi di Claudio Broglia, Sindaco di Crevalcore, Thomas Casadei, Commissione Cultura Regione Emilia-Romagna, Beatrice Draghetti, Presidente della Provincia di Bologna, Filippo Maria Gambari, Soprintendente per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna, Fiamma Lenzi, IBC ? Istituto Beni Culturali dell'Emilia-Romagna, e Silvia Marvelli, Direttore Museo Archeologico Ambientale

Seguono, dalle 10.30 alle 13, gli interventi di archeologi della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna, esperti di restauro, osteologia forense e storia dell'arte

Ore 10.30 - Paola Desantis, Archeologia a Crevalcore: un prezioso esordio

Ore 10.50 - Pierangelo Pancaldi, Dall'agiografia al folklore

Ore 11.10 - Carlo Zucchini, La pazienza delle cose

Ore 11.30 - Cinzia Cavallari, Vite esemplari: dal linguaggio simbolico del vetro dorato con i SS. Pietro e Paolo al martirio della Santa Deodata

Ore 11.50 - Maria Giovanna Belcastro, Antonio Todero, Greta Bocchini, Fiorenzo Facchini, Studio antropologico dei resti scheletrici rinvenuti nella teca di Santa Deodata

Ore 12.10 - Marco Marchesini, Ambiente e territorio dal Tardo Antico al Medioevo a Crevalcore

Ore 12.30 - Rosanna Moradei, Tecnica e restauro del vetro con foglia d'oro graffita

Nel corso della giornata (a partire dalle 10) i subacquei del G.R.A., Gruppo Ravennate Archeologico, effettueranno lo scavo archeologico di uno dei pozzi del castello alla ricerca delle più antiche testimonianze della nobile residenza, mentre alle ore 15 si terrà una visita guidata allo scavo in corso a cura dell'archeologa Paola Desantis e, a seguire, al Castello dei Ronchi a cura di Carlo Zucchini

tutte le info su www.archeobologna.beniculturali.it

Il vetro dorato, di accurata fattura, era il fondo di una coppa. La decorazione si otteneva racchiudendo fra due strati di vetro una sottilissima foglia d'oro, che veniva incisa per rendere i contorni e i particolari dei temi raffigurati. Coppe siffatte erano poi conservate solo nella porzione inferiore (come in questo caso) e reimpiegate con nuove funzioni, spesso per distinguere le sepolture, come dimostrano i tanti oggetti di questo tipo murati sui loculi delle catacombe romane.

Il vetro dorato di Crevalcore mostra due figure maschili, in tunica e pallio, identificabili con certezza, anche grazie a una scritta, con i santi Pietro e Paolo. Fra le due teste campeggia il monogramma di Cristo mentre nella cornice circolare si leggono i resti dell'iscrizione benaugurale [DI] GNI [TAS AM]ICORUM PIE ZESE[S] (vanto degli amici, bevi e vivi!) espressa in lingua greca latinizzata



Discorso a parte merita la titolare del reliquiario, una santa cristiana di nome Deodata sulla cui esistenza pendono notizie scarse e controverse. Piuttosto comune nei primi secoli del Cristianesimo, il nome indica di per sé una decisa testimonianza di fede. Non è però possibile una precisa identificazione per questa santa che compare nel repertorio agiografico in più periodi, vesti e storie

Fonti assai discusse ricordano, tra i santi martiri, tali Fanzio e Deodata siracusani, convinti dal figlio Fantino a credere in Dio e per questo incarcerati, sottoposti a torture e infine decapitati. La scoperta nelle catacombe di S. Giovanni, a Siracusa, di un arcosolio con un'iscrizione celebrante una vergine di nome Deodata (che in quanto illibata non può certo coincidere con la madre di Fantino) ha alimentato la suggestione dell'esistenza di una martire o santa il cui sepolcro è divenuto un santuario riconosciuto dalla Chiesa Siracusana.

La tradizione agiografica segnala un'altra santa Deodata, madre di S. Giovanni Crisostomo, mentre non vanno dimenticate le tante sante e martiri dei primi secoli del Cristianesimo recanti il nome nella variante greca Theodota.

Gli studi antropologici effettuati dal Laboratorio di Bioarcheologia dell'Università di Bologna sui resti scheletrici contenuti nella teca di Santa Deodata potranno darci ulteriori informazioni sulla compatibilità o meno delle ossa con la martire del IV secolo d.C.