Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Forlì (Forlì-cesena) - 4 Gennaio 2018

Su Joints articolo sul tumore al piede condotto a Forli

Su Joints articolo sul tumore al piede condotto a Forli
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp
"Joints", la rivista ufficiale della Sigascot (Società italiana del ginocchio artroscopia sport cartilagine tecnologie ortopediche), pubblicherà uno studio condotto da Marcello Lughi, dell'Unità Operativa di Ortopedia di Forlì, sul "tumore a cellule giganti nel canale del tarso dopo distorsione di caviglia". "Un caso unico nella letteratura scientifica - spiega Lughi - che, dopo aver valutato tutto ciò che è stato scritto sull’argomento, è da considerare come originale e particolare. La neoformazione/tumore, che si era formata in una parte del piede del paziente, nel cosiddetto canale del tarso, è una lesione benigna, ma determinava un intenso e costante dolore e impossibilità al carico".

La causa di tale neoformazione? "I tumori giganti-cellulari - illustra - possono essere l’espressione di una reazione dell’organismo ad un problema. In questo caso, potrebbe essere stato un sanguinamento nel canale del tarso, conseguente ad un trauma distorsivo della caviglia avvenuto precedentemente, a scatenare la reazione giganto cellulare con conseguente neoformazione". "Da questo caso clinico - prosegue Lughi - possiamo dedurre che è fondamentale non banalizzare mai i sintomi che ci riferisce il paziente, che ha una luna storia di peregrinazioni tra vari medici, alla ricerca della soluzione del suo problema".

"A fronte di una sintomatologia abbastanza chiara nell’indirizzare il medico verso la sede anatomica del problema, doveva infatti essere impostato un percorso diagnostico e terapeutico adeguato e tempestivo", chiosa. Inoltre, conclude, "il trauma distorsivo alla caviglia, più frequente nello sportivo, non è mai da considerarsi banale,ma occorre, da parte di noi medici, avere sempre aggiornata una cultura medica ed un’attenzione clinica nell’individuare i primi segni delle possibili e