Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Padova (Veneto) - 18 Marzo 2010

Rimozione Di Un Ordigno Bellico A Marghera (ve)

Rimozione Di Un Ordigno Bellico A Marghera (ve)
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
Domenica 21 marzo con inizio alle ore 07.30 avranno luogo le operazioni di rimozione dell'ordigno bellico a Marghera (VE).

L'operazione sarà coordinata dalla Prefettura di Venezia in concorso con il 1° Comando Forze di Difesa in Vittorio Veneto, retto dal Generale di Corpo d'Armata Mario MARIOLI.

Il potente ordigno è stato rinvenuto all'interno di fabbricati industriali non più in uso ubicati in Via delle Industrie 11.

Si tratta di una bomba d'aereo da 500 libbre di fabbricazione americana, residuato bellico del secondo conflitto mondiale. L'ordigno è attivo e ancora internamente dotato della catena incendiva completa.

Il luogo ove è situata la bomba d'aereo non è idoneo per un eventuale brillamento ed è pertanto previsto lo spostamento della bomba, di fatto tuttora attiva, al punto di brillamento in località Giare di Mira (VE). La delicata operazione di spostamento implicherà lo sgombero per un raggio di 500 mt. circa su tutto l'itinerario, dal punto di ritrovamento al punto di brillamento; sull'area, inoltre sarà in vigore il divieto di sorvolo.

Questa complessa e delicata attività non comporterà, in questo caso, l'evacuazione di abitazioni civili.

La rimozione dell'ordigno sarà effettuata da qualificato personale EOD (Esplosive Ordnance Disposal) del 3° Reggimento Genio Guastatori che è incaricato di operare per questo tipo di attività su una vasta area del Nord Est d'Italia, che comprende il Friuli Venezia Giulia e le giurisdizioni territoriali delle prefetture di Treviso e Venezia.

Il Capo nucleo responsabile del team EOD sarà il 1° Maresciallo Alessandro Corbia, Sottufficiale molto esperto nel settore della disattivazione di ordigni esplosivi regolamentari e di circostanza. Si prevede che l'intera operazione sarà portata a termine verso le ore 17.00 salvo imprevisti.

La bonifica del territorio da ordigni inesplosi costituisce una delle tante attività svolte dai Reparti dell'Arma del Genio Militare in favore della collettività civile. Nel 2009, solo nel Nord Italia (area di giurisdizione del 1° Comando Forze di Difesa), sono stati realizzati oltre 1.720 interventi di questo tipo, di cui oltre 370 realizzati dal personale specializzato del 3° Reggimento Genio Guastatori di Udine ed in particolare tre di rilevante complessità. Di recente (gennaio 2010), gli artificieri del 3° Reggimento di Udine hanno portato a termine con successo la rimozione di un potente ordigno bellico da 1.100 libbre rinvenuto a Cavanella d'Adige.