Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Subiaco (Roma, Lazio) - 30 Gennaio 2018

ProntoSoccorso «ambulante» pazienti dirottati Tivoli e Roma

ProntoSoccorso «ambulante» pazienti dirottati Tivoli e Roma
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp
Quello di Subiaco è ormai ridotto ad un Pronto Soccorso
«ambulante»: si cerca di stabilizzare il paziente e poi in ambulanza verso gli ospedali di Tivoli o Roma.Non solo in cerca
di un letto, ma anche per una semplice ecografia.
Com’è accaduto ieri ad una 15enne con dolori addominali.Non c’è il radiologo (ne sono rimasti solo 2 in organico), come
spesso accade dopo le ore 14 e nei week-end (stessa cosa
per i cardiologi). Quindi la ragazza deve farsi 45 chilometri
in ambulanza fino all’ospedale di Tivoli.Ed è anche fortunata,
perché le navette sono in funzione solo fino alle ore 16:
l’Asl ha tagliato l’orario. Risultato: chi non è in codice rosso
deve attendere fino all'indomani in astanteria, dove però si
arriva a stazionare fino a 5 giorni (con un solo bagno a disposizione e senza doccia). Ma la stanzetta dell’Osservazione
Breve ha solo 2 posti: «qui siamo ammassati in 3, oltre a
quelli in corridoio,e guardi come siamo ridotti. Io, che ho un
tumore al pancreas, mi auguro di uscire al più presto da
qui»,dice indignato un pensionato.
I locali mostrano evidenti chiazze di umidità,alcuni
termosifoni non funzionano e la seconda sala visite è occupata
da 2 anziane in attesa di un letto. La Regione 2 anni fa aveva
annunciato la «realizzazione di 2 posti di sala rossa per
l'attività di rianimazione,prevista dal rinnovo del Pronto Soccorso», promesso «a partire dall’ottobre 2016». Ma, 15 mesi
dopo, il cantiere ancora non parte.Bloccato come il computer,
incellofanato da ben 8 anni, acquistato per il «Progetto
Ictus».Nato nel 2010 per il teleconsulto durante la terapia
trombolitica,il progetto è stato finora attivato solo a Tivoli nonostante il costo complessivo di ben 400mila euro. Fuori uso
come 2 degli ascensori del nosocomio, uubicato ai piedi di
Monte Livata. È l’unica stazione sciistica della provincia ma
la Regione, che nel 2015 ha investito 2,5 milioni di euro per
la seggiovia, nello stesso anno ha però chiuso l’Ortopedia.
L’ambulatorio è aperto solo il lunedì e agli sciatori del
week-end più sfortunati tocca andare fino alla sala gessi di
Tivoli in ambulanza. Anche l’elisuperficie, che secondo il
Decreto Zingaretti andava «attivata entro il 31/12/2015»,ancora non decolla: nel novembre scorso la Regione ha annunciato che le «procedure sono al via», ma in ritardo di 25 mesi.
Antonio Sbraga