Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Tarquinia (Viterbo, Lazio)

Presentato il progetto definitivo della piscina.

Presentato il progetto definitivo della piscina.
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
«Un sogno che diventerà realtà. Sarà un impianto moderno e funzionale alle esigenze della città». Lo afferma il sindaco di Tarquinia Mauro Mazzola comunicando che è stato presentato il progetto definitivo della piscina comunale. «È un fondamentale passo in avanti che avvicina l'inizio dei lavori. ? prosegue ? Tante sono le Amministrazioni che si sono succedute negli anni e mai nessuna è riuscita a raggiungere questo traguardo. I cittadini tarquiniesi hanno sempre considerato il palazzetto del nuoto come una vana promessa da fare in campagna elettorale. Quella promessa sarà finalmente mantenuta». La nuova struttura sportiva sarà edificata in località Giglio, accanto alla pista di atletica, e occuperà una superficie di circa 4.200 metri quadrati. L'impianto presenterà una vasca semiolimpionica (lunga 25 metri) e una più piccola destinata all'attività natatoria dei bambini, spogliatoi, bagni con docce, palestra e servizi vari, tra i quali un bar. All'esterno saranno realizzati un parcheggio, un'area verde con giochi e attrezzature per svolgere sport all'aria aperta. «Una nuova testimonianza di come questa sia un'Amministrazione del fare e non delle chiacchiere. ? conclude il primo cittadino ? Un'Amministrazione che sta dando risposte concrete alle esigenze di Tarquinia e del suo territorio, con un piano di interventi mirato al rilancio economico, attraverso la zona industriale, e a quello culturale e turistico, valorizzando il patrimonio artistico e completando opere importanti quali il teatro San Marco e palazzo Bruschi. Senza dimenticare la tutela dell'ambiente che ha visto il Comune affrontare e risolvere numerose emergenze: dalla costruzione di fognature in località che ne erano sprovviste, come Valverde e Vallegata, a quella di acquedotti per far arrivare l'acqua corrente in aree lontane dal centro abitato, come la Farnesiana».