Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Torino (Piemonte) - 20 Marzo 2017

Pedopornografia minorile e violenza

Pedopornografia minorile e violenza
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp
Tre allenatori di calcio sono stati raggiunti da altrettante misure cautelari eseguite dalla polizia al termine di un'indagine durata quasi un anno per pornografia minorile e violenza sessuale: per due di loro è scattato l'arresto, uno in carcere e l'altro ai domiciliari, il terzo è stato, invece, sottoposto a obbligo di firma. I tre sono accusati a vario titolo di aver sfruttato dei minori attraverso la rete internet, al fine di ottenere e diffondere materiale di natura pedopornografica, nei casi più gravi consumando anche violenze sessuali ai danni degli adolescenti coinvolti, la maggioranza dei quali ruota intorno al mondo del calcio giovanile. L'indagine, svolta dagli investigatori del Compartimento di Polizia Postale di Torino e coordinata dalla procura, è partita da una denuncia per violenza sessuale presentata dai genitori di un ragazzino con la passione per il pallone: il ragazzo, appena 16enne, ha raccontato alla madre che il suo allenatore di calcio, un ventenne torinese, aveva tentato un approccio sessuale notturno mentre i due dormivano a casa dell'allenatore, dopo aver terminato la preparazione atletica per un importante match. A seguito della denuncia è scattata la perquisizione dell'allenatore: dal materiale sequestrato è emerso il modus operandi di tipo seriale che il ventenne avrebbe adottato per adescare le proprie prede, individuandole in base all'età e classificandole attraverso l'anno di nascita. L'attività di analisi degli investigatori della Postale torinese ha permesso di estendere il piano dell'indagine ad altri due soggetti, rispettivamente allenatore e arbitro di calcio delle giovanili, con cui il ventenne avrebbe condiviso dati e materiale acquisito sulle vittime. L'ipotesi investigativa è stata confermata da più di 15 minori.