Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Padova (Veneto) - 14 Aprile 2010

Padova; ponteggi per pietre da facciata Sant'Antonio

Padova; ponteggi per pietre da facciata Sant'Antonio
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
PONTEGGIO PROTETTIVO FACCIATA BASILICA DEL SANTO E LAVORI DI RESTAURO

In seguito alla caduta di alcuni frammenti lapidei, per distacco dalla cornice di cimasa della loggetta posta sulla facciata principale ? Ovest ? della Basilica di sant'Antonio - Padova, la Veneranda Arca ha provveduto immediatamente ad attivare le opportune verifiche di stabilità di tutti gli elementi lapidei ornamentali della facciata stessa, a tutela e garanzia dell'incolumità dei fedeli che accedono al Santuario.

I puntuali, immediati sopralluoghi effettuati, sia utilizzando una piattaforma mobile, sia "de visu" da parte di un pool di tecnici che si sono recati direttamente sulle logge della facciata per constatare meglio la situazione, hanno evidenziato una situazione preoccupante relativa allo stato di conservazione dei manufatti lapidei, già gravemente deteriorati e in avanzato stato di frammentazione e distacco, come documentato da rilievi fotografici eseguiti.

Nonostante si siano prontamente rimossi i materiali e tutte le parti esposte maggiormente al rischio di caduta, la situazione è tale che si è vista la necessità di provvedere con urgenza alla realizzazione di una struttura di messa in sicurezza per garantire la necessaria protezione, a tutela dell'incolumità dei fedeli e dei pellegrini che accedono alla basilica.

Alla luce di quanto sopra descritto in data 13.4.2010 si è proceduto all'allestimento con il procedimento di "somma urgenza" di un ponteggio protettivo tipo "mantovana a sbalzo" (i lavori di allestimento termineranno il 15.4.2010) che dovrà rimanere in loco fino a che non si effettueranno i necessari lavori.

Il restauro della facciata non era preventivato dalla Veneranda Arca del Santo che sarà impegnata a ricercare con urgenza i fondi necessari: si stima un costo intorno ai 200.000 euro.

La struttura protettiva allestita dovrà rimanere in loco fintantoché non verranno effettuati gli opportuni ed indispensabili interventi di consolidamento e restauro delle cornici e degli aggetti pericolanti.

Si precisa che le parti della facciata alle quali si fa riferimento non sono state oggetto di alcuna manutenzione strutturale nel corso degli interventi effettuati per il "Giubileo dell' anno 2000".

Gli ultimi interventi documentati alle suddette parti lapidee risalgono agli anni Cinquanta.