Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Padova (Veneto) - 31 Gennaio 2009

Padova golosa con Paolo Massobrio

Padova golosa con Paolo Massobrio
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
comunicato stampa

Padova golosa, una serata
con i padovani "doc" del Golosario

Paolo Massobrio presenta le eccellenze di casa nostra



La rassegna enogastronomica Il Giardino dei Golosi presenta

PADOVA GOLOSA

presentazione della guida "Il Golosario 2009"
con la partecipazione dei produttori padovani selezionati



lunedì 2 febbraio 2009 dalle 20.00

al Forcellini 172 food&garden

via Forcellini, 172 - Padova

presenta Paolo MASSOBRIO presidente del Club di Papillon

introduce Matteo FLOREAN delegato Papillon Padova

evento realizzato in collaborazione con







100 posti disponibili, costo serata 30 euro, riferimento David Andreolli, tel. 349-3580951



Dire Padova significa dire eccellenza gastronomica. Ne è più che convinto Paolo Massobrio, vate del gusto, presidente del Club d i Papillon e ormai abituale frequentatore delle nostre contrade (Colli Euganei in primis) che è diventato un appassionato estimatore della produzione enogastronomica padovana.

Proprio Massobrio sarà protagonista lunedì 2 febbraio ore 20,00 al Forcellini172 Food&Garden di Padova, ristorante in cui il Club di Papillon ha allestito un vero e proprio Salotto di Papillon nel quale interverranno gli artigiani ma anche i produttori di vini dei Colli Euganei citati nel Golosario 2009, la guida critica e golosa del Club.

Il menu naturalmente sarà realizzato con i prodotti selezionati dalla guida in provincia di Padova. Si esordirà infatti con un aperitivo di benvenuto a base di Serprino Viticoltori Riuniti di Vo' e una selezione di Salumi Golosi con il Crudo di Montagnana di Attilio Fontana, la Soppressa di Giovanni Bazza, la Coppa Invernale di Testa di Giovanni Olivetto. Al Moscato secco del Veneto "Sirio" Vignalta toccherà poi accompagnare l'Insalatina delicata di Pollo e Faraona Latte e Miele di Angelo De Marchi condita con Olio ExtraVergine dei Colli Euganei dell'azienda Colli del Poeta, mentre sarà un Merlot C.E. 2007 Colle Mattara a fare da contrappunto al Petto d'Oca e Cicciolata dell'azienda Il Dosso con crema di broccoli.

Altra portata, altro vino. Di scena il Cabernet C.E. "Vigna Cecilia di Baone" Il Filò delle Vigne per il Collo di maiale di Giovanni Olivetto con salsa di mele renette, mentre il Colli Euganei Rosso "Oltre il limite...e altro" dell'Azienda Agricola "Il Pigozzo" di Salvan si accompagnerà ai Formaggi di Capra di Enrico Grandis. Conclusione con il botto, ovvero Moscato Fior d'Arancio Passito Montegrande per il dessert a cura de "I Dolci di Giotto" realizzati dai detenuti del carcere penale padovano "Due Palazzi".

Paolo Massobrio ha 47 anni, sposato e padre di tre figli, è giornalista di economia agricola ed enogastronomia. Collabora con La Stampa, il Tempo, Avvenire. È fondatore e presidente del Club di Papillon. Ha partecipato come curatore e conduttore a programmi televisivi di enogastronomia: Melaverde, Linea Verde al Mercato, Gusto del TG5 e Linea Verde. È autore del "Golosario" e tra le sue recenti pubblicazioni ricordiamo "Il Tempo del vino", insieme ad Andrea Sinigaglia "Il Vignaiolo. Mestiere d'Arte" e "Adesso, il libro per la famiglia per vivere con gusto tutti i giorni dell'anno". Insignito di riconoscimenti internazionali, é membro del comitato scientifico per la candidatura di Milano all'Expo 2015. Dal 2007 è docente di giornalismo enogastronomico dal master in Giornalismo dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Uno spazio sorprendentemente vario dedicato alla ristorazione e alla natura: ecco Forcellini 172 Food & Garden, un binomio che nella sua semplicità riassume efficacemente la filosofia che da vita a questo ristorante dagli ampi contorni. Qui l'interazione tra elementi architettonici ed elementi naturali è posta in primo piano: le strutture mobili lasciano spazio alla cornice verde che le circonda, richiamata dagli elementi d'arredo d'ispirazione green. Il Forcellini 172 si divide in 5 sale all'occorrenza indipendenti ma collegate con video e audio unificati, ognuna con la sua spiccata personalità. La Cucina è delineata da tre elementi chiave: la Pizza, la Griglia e la Pasticceria. La Carta dei Vini e delle Birre riservano piacevoli sorprese: nella prima si distinguono i 10 Vini del Cuore e la sezione dedicata ai Colli Euganei, nella seconda le etichette italiane e straniere più in voga presso i circoli di appassionati della spumeggiante bevanda.

Il Forcellini 172 si presenta come un locale completo e innovativo, che offre ai suoi ospiti grande qualità e funzionalità, senza perdere però il calore che distingue i migliori luoghi di ristorazione. Infatti, sin dagli inizi degli anni '90, il concetto guida dello staff di questo locale è "Trattare ogni cliente come l'amico che viene a mangiare a casa nostra".