Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Ischia (Napoli, Campania) - 24 Marzo 2010

Pisani Tradisce, Pciml Esce Da Comitato Ischia X La Casa

Pisani Tradisce, Pciml Esce Da Comitato Ischia X La Casa
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
IL P.C.I.M-L. ESCE DAL COMITATO PER IL DIRITTOALLA CASA A SEGUITO DEL TRADIMENTO DEL SUO PRESIDENTE LUIGI PISANI!

Nella foto Luigi Pisani immortalato nella sede del Comitato elettorale del Popolo della Libertà accanto a Stefano Caldoro, candidato presidente alla regione Campania, con alle spalle un grosso cartellone p...ubblicitaro che recita: "Fai vincere il governo del fare anche in Campania CALDORO Presidente".
Il Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista esce ufficialmente e definitivamente dal "Comitato per il diritto alla casa delle popolazioni di Ischia e Procida" a seguito del tradimento delle decisioni collegiali assunte dal comitato stesso e dall'assemblea degli aderenti da parte del presidente Luigi Pisani e dopo che i rappresentanti del Partito nel comitato non sono stati neppure informati della riunione convocata per oggi all'Hotel Augusto di Lacco Ameno, nonostante essi abbiano dato un contributo consistente alla nascita e all'attività del medesimo comitato. E' stata una scorrettezza politica, umana e civile degna di chi crede di essere il proprietario del comitato dimostrando, così, supponenza e lasciandosi persino a pettegolezzi nei nostri confronti, di cui parleremo pubblicamente in altra sede. Prima all'interno del comitato e successivamente nell'assemblea all'Hotel Augusto di Lacco Ameno era stato deciso all'unanimità che durante questa campagna elettorale il comitato avrebbe difeso strenuamente la propria autonomia politica e di lotta, si sarebbe astenuto da incontri coi partiti e candidati del centrodestra e centrosinistra e che a costoro non sarebbe stata data la parola nelle iniziative di lotta e che sarebbe stata portata avanti una pressante campagna elettorale di astensionismo con la diffusione di un volantino dal titolo "Gli 'abusivi' della Campania non vi voteranno!" e di un manifestino titolato "La politica dominante è morta!", cosa che con le iniziative personali del presidente ha perso di incisività, mentre noi del P.C.I.M-L. non abbiamo mai interrotto tale attività e continuiamo a farlo, anche con conferenze in alcuni comuni della Campania, con incessante attività sul territorio isolano e campano. Invece il presidente Luigi Pisani, seguito e forse incoraggiato da qualche componente del comitato, calpestando le decisioni collegialmente assunte, considerandosi investito di un potere insindacabile ed improvvisandosi ed elevandosi a stratega infallibile ha deciso personalmente, parlandone solo col componente del comitato Giuseppe Trani, di cambiare linea e di cominciare un percorso di incontri coi partiti e candidati del centrodestra, il primo col ministro Mara Carfagna all'Hotel Vesuvio di Napoli il 10 marzo 2010, presente Giuseppe Trani e con foto di gruppo, il secondo in occasione della venuta a Napoli di Silvio Berlusconi alla Mostra d'Oltremare il 18 marzo 2010 e anche qui, ci hanno riferito, con nuova foto col ministro Mara Carfagna e il terzo il 22 marzo 2010 all'Hotel Mediterranea di Napoli con Stefano Caldoro e, anche qui, con foto a due e di gruppo. E' chiaro che il centrodestra ha cercato di parare il colpo dell'astensionismo, che i presidenti dei comitati accorsi alle sirene del potere dominante si sono prestati a un triste gioco elettorale che, come facilmente prevedibile, non ha portato, e non poteva portare, a nulla di serio e di concreto sul fronte dell'ottenimento del decreto-legge e del blocco degli abbattimenti. E' stata semplicemente una scelta politica irresponsabile e scellerata che ha indebolito la posizione rivendicativa del comitato e del movimento di lotta nei confronti del potere responsabile degli abbattimenti e, cosa gravissima, si sono schierati apertamente dalla parte del centrodestra e qualora dovesse vincere il centrosinistra la posizione di quest'ultimo schieramento a favore degli abbattimenti potrebbe essere ancora più dura e repressiva dell'abusivismo di necessità. Dunque, Luigi Pisani e tutti gli altri che lo hanno seguito in questa scelta sconsiderata potrebbero portare la responsabilità delle maggiori tragedie che potrebbero abbattersi sulle famiglie lavoratrici in caso di vittoria del centrosinistra. Da questa triste esperienza abbiamo appreso che la guida di un movimento di lotta serio può essere affidata solo a persone indiscutibilmente esperte, provenienti da significative esperienze di lotta, rispettose delle scelte assunte collegialmente e libere da ogni forma di presunzione. Per tali ragioni, secondo la nostra modesta analisi, Luigi Pisani non può essere più il presidente del comitato, perché vi arrecherebbe altri danni di immagine e di attività che si rivelerebbero dannosi alla battaglia per la salvaguardia del diritto alla casa e per giungere al più presto possibile al blocco degli abbattimenti da parte della procura della repubblica e dei comuni. Per i suddetti motivi, per il rispetto del mandato ricevuto da tanti cittadini come rappresentanti del P.C.I.M-L. nel comitato, per salvaguardare la nostra moralità e lealtà politica e di classe a cui sono da sempre improntati le nostre battaglie sociali e i nostri rapporti coi cittadini, per la nostra coerenza di vita e onestà intellettuale dichiariamo che da questo momento i rappresentanti del nostro Partito non fanno più parte del comitato a suo tempo costituito e presieduto da Luigi Pisani. Nel contempo assicuriamo tutti i cittadini delle nostre isole, della Campania e dell'intero territorio nazionale che continueremo la battaglia che come Partito, e per primi in Italia, abbiamo intrapreso il 21 maggio 2008 - con la presentazione a tutti i gruppi parlamentari di maggioranza e di opposizione di centrodestra e centrosinistra della camera dei deputati e del senato, oltre che alla presidenza del consiglio dei ministri, della proposta di modifica del terzo condono edilizio, legge 24 novembre 2003 n.326 ? per consentire la regolarizzazione dell'abusivismo di necessità anche nelle zone sottoposte a vincolo paesistico e sino ai giorni nostri. Un impegno che abbiamo già avviato con l'importante manifestazione del Partito di ieri sera sull'argomento svoltasi nella sala polifunzionale del comune di Forio.Isola d'Ischia, 25 marzo 2010.
La Segreteria del P.C.I.M-L.

Più visti della settimanaTutti