Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Tarquinia (Viterbo, Lazio)

Ospedale, il sindaco Mazzola risponde a Riccardi.

Ospedale, il sindaco Mazzola risponde a Riccardi.
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
«La struttura non è nel degrado».
«L'ospedale di Tarquinia non è nel degrado. L'intervento estemporaneo di Claudio Riccardi è servito soltanto a danneggiarne l'immagine». Lo afferma il sindaco Mauro Mazzola rispondendo alle dichiarazioni rilasciate alla stampa dal rappresentante della Fps Cisl e della sicurezza. «Ho letto con attenzione le parole di Riccardi e sono rimasto allibito. ? prosegue ? Reputo l'esponente della Fps Cisl una persona seria e intelligente ma quanto da lui riportato non corrisponde alla realtà. La struttura non è lasciata nell'incuria. Il presidio è invece da sempre apprezzato dall'utenza per l'efficienza dei servizi offerti e la professionalità del personale medico e infermieristico che vi lavora». Il primo cittadino sottolinea come insieme al direttore generale dell'ASL di Viterbo, Adolfo Pipino, si stia lottando strenuamente per difendere e potenziare il nosocomio, al fine di garantirne il futuro. In proposito egli ricorda il recente incontro tenuto con lo stesso direttore generale Pipino e la direzione ospedaliera, per fare il punto della situazione sul nosocomio e per stilare un programma delle priorità. «L'Amministrazione, fin dal suo insediamento, ha mostrato grande attenzione alle problematiche dell'ospedale, evitandone la chiusura prevista dal piano di riordino del sistema sanitario regionale e acquistando moderne attrezzature: ultima in ordine di tempo il macchinario per la risonanza magnetica che sarà inaugurato il 2 maggio. ? conclude il sindaco Mazzola ? Mi sarei quindi aspettato da parte del sindacalista più acume, parlando dei problemi direttamente con le Istituzioni interessate e non attraverso i giornali».