Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Mazara Del Vallo (Trapani, Sicilia) - 25 Novembre 2010

Oltre il nucleare per un'alternativa energetica

Oltre il  nucleare per un'alternativa energetica
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
OLTRE IL NUCLEARE PER UN'ALTERNATIVA ENERGETICA

A giugno è stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale, la proposta di legge d'iniziativa popolare: "Sviluppo dell'efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la difesa del clima".
Due gli obiettivi primari della proposta:

1. imporre alla discussione parlamentare l'esigenza di una strategia nuova, che si sta affermando a livello mondiale e che vede il nostro Paese in drammatico ritardo;
2. contrapporre proposte concrete alla follia nucleare.
Oggi i grandi paesi investono sulle rinnovabili, le uniche che oltretutto assicurano vera indipendenza energetica.
All'uso di queste fonti andrà accoppiato una riduzione dei consumi energetici e massicci interventi di efficienza energetica privilegiando gli interventi di energia distribuita (per esempio tetti fotovoltaici, microeolico, ecc).
Per quanto riguarda il nucleare è una strada che il nostro Paese ha abbandonato per volontà popolare 23 anni fa e che non può certo riprendere oggi che quella tecnologia si è rivelata marginale, pericolosa, economicamente svantaggiosa e antiquata rispetto al progressivo affermarsi delle energie rinnovabili.
Tutto ciò premesso, le associazioni di volontariato WWF Val di Mazara e Fedeleambiente organizzano per sabato 27 novembre, dalle ore 09.30 alle ore 20.00, presso il supermercato alimentare InCoop sul Lungomare Mazzini di Mazara del Vallo, una raccolta di firme a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare "Sviluppo dell'efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la difesa del clima".
I soci e simpatizzanti sono invitati a partecipare muniti di un documento valido.
Passate parola!
Il Presidente
Salvatore Rallo