Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Milano (Lombardia) - 31 Maggio 2018

Nuova Stagione “ TEATRO ALLA SCALA “

Nuova Stagione “ TEATRO ALLA SCALA “
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp
Milano, 30 maggio 2018 - Per la stagione 2018-2019 del Teatro alla Scala tornerà a calcare il palcoscenico Alexander Pereira, oggi sovrintendente e direttore artistico, nei panni del Der Haushofmeister nell'Ariadne Auf Naxos di Richard Strauss. Non solo: il Gianni Schicchi di Antonio Salieri vedrà, a luglio del prossimo anno, la regia di Woody Allen, nella già classica produzione presentata a Los Angeles nel 2015: il regista statunitense è inoltre atteso per qualche giorno a Milano durante la messa in scena.

Sono le due maggiori novità emerse questa mattina nel ridotto Toscanini, in occasione della presentazione della prossima stagione scaligera. "Vogliamo che meta' dei titoli della lirica siano italiani" perché gran parte del repertorio lirico "è italiano", ha sottolineato lo stesso Pereira. Il primo titolo della stagione, già annunciato nei mesi scorsi, sarà appunto l'Attila di Verdi, diretto da Riccardo Chailly con il basso Ildar Abdrazakov, considerato un "rifermento dei nostri anni", nei panni del protagonista. A gennaio sarà la volta della Traviata, con la regia di Liliana Cavani e le luci di Dante Ferretti. La Manon Lescaut di Puccini, una passione del maestro Chailly, sarà sul palco tra marzo e aprile e rientra in un progetto organico di proposta dei titoli maggiori ripensati alla luce delle ricerche musicologiche più aggiornate. Verdi sarà ancora protagonista a luglio con i Masnadieri e con un cast di voci molto apprezzato dal pubblico scaligero: da Fabio Sartori, nei panni di Carlo, a Michele Pertusi che interpreta Massimiliano; per altro l'ultima rappresentazione dell'opera verdiana a Milano fu nel 1978 e segnò il debutto operistico di Chailly. Tra settembre e ottobre sarà la volta dei grandi classici: il Rigoletto di Verdi e l'Elisir d'Amore di Donizetti; per finire a novembre con il Giulio Cesare di Georg Friederich Haendel.