Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Padova (Veneto) - 17 Maggio 2017

Mostra "MARIO VIEZZOLI Sogno di un segno"

Mostra
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp
Padova, Galleria Samonà
Dall'1 giugno al 2 luglio 2017

Inaugurazione: 31 maggio 2017, ore 18.00
Mario Vièzzoli, artista e designer a cui il Comune di Padova dedica una mostra personale, ha sviluppato nel tempo un linguaggio visivo nuovo, basato sull'invenzione e sull'uso di un unico segno grafico: il V Modulus (1968).

La mostra Sogno di un Segno, allestita in Galleria Samonà, propone una selezione di circa 40 opere su tela, acciaio, vetro e forex, che propongono appunto un nuovo concetto di “arte programmata” basato esclusivamente sull’impiego di un unico segno: il “V modulus”.

Il segno unico di Mario Viezzoli nasce nel 1968 da uno studio di una piastrella: nell’ottica del grande fermento creativo di quegli anni l’approccio fu di ricercare e sintetizzare nella maniera più efficace possibile funzionalità ed estetica, al fine di dar vita a un modello che potesse permettere infinite soluzioni compositive. È quindi l’espressione di un nuovo codice visivo, una sorta di linguaggio universale, concretizzato in molteplici proposte che interpretano di volta in volta lo spirito, le connotazioni e le contraddizioni dei nostri giorni.

Le opere si possono suddividere in sette tipologie di linguaggio: Ripetitività, Ridimensionamento e Progressione, Tridimensionalità, Deformazione, Intrusioni, Fotografia e Parole: queste sono le chiavi strumentali con cui il “Segno Unico” si esprime e si espande nello spazio, inglobando situazioni ed ipotesi continuamente differenti, offrendo connotazioni trasversali alternative rispetto alle consolidate classificazioni dell’arte. L’artista riesce di volta in volta a fare un personale percorso di ricerca di differenti suggestioni visive giungendo ad un esito personale ed inedito. Le opere sono strutturate da un preciso metodo compositivo di tipo matematico-musicale che, attraverso l’impiego di “quattro note”, dà luogo a “composizioni” in grado di trasportare il fruitore verso una dimensione di sogno, generatore di molteplici emozioni.

Informazioni
Ingresso libero

Settore Cultura Turismo Musei e Biblioteche
Tel. 049 8204553 - Cell. 335 384369
ghiraldinir@comune.padova.it
www.viezzoli.com
viezzolivision1@tin.it
See more at: www.padovacultura.it