Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Savona, Liguria - 24 Giugno 2009

Matrimoni Irregolari, Tre Denunciati Nel Ponente

Matrimoni Irregolari, Tre Denunciati Nel Ponente
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
Un'indagine dei carabinieri di Villanova d'Albenga su matrimoni irregolari e manovalanza clandestina ha portato alla denuncia alla magistratura di tre persone. Si tratta di M.M.E., 42 anni, originaria di Lecco, ma residente a Ortovero, che aveva agevolato la permanenza in Italia di uno stranieri fornendogli vestiti, alloggio presso sua abitazione, generi alimentari, telefono cellulare con relativa scheda ricaricabile. Per regolarizzare la sua permanenza in Italia ha anche istruito una pratica di matrimonio presso il comune di Ortovero che si sarebbe celebrato il prossimo 26 giugno. Denunciato quindi P.L., 34 anni, originario di Pagani (Sa), ma residente ad Albenga, agricoltore pluripregiudicato, sottoposto misura preventiva dell'avviso orale, per favoreggiamento della permanenza dello straniero in Italia. Questi aveva offerto un lavoro irregolare presso le sue aziende agricole in Albenga, quindi per aver accompagnato l'immigrato con il suo mezzo al comune di Ortovero e trovato nel corso del controllo in possesso di un coltello a serramanico. Infine Z. M, nato a Dar Old Zidouh (Marocco), 28 anni,in Italia senza fissa dimora, pregiudicato, colpito da 7 provvedimenti di espulsione. Al momento del blitz dei Carabinieri, i tre stavano consegnando agli impiegati comunali gli ultimi atti per concludere la pratica del matrimonio che si sarebbe celebrato tra 2 giorni tra l'italiana M.M.E. ed il marocchino Z.M.. L'amore tra i due non era sicuramente nato da una profonda conoscenza reciproca visto che il marocchino indicava la donna di 14 anni piu' grande d'età, come 'la signora del negozio' perche' non ricordava il cognome e neppure 'la signora del negozio' conosceva compiutamente il cognome del futuro sposo.