Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Lodi (Lombardia) - 18 Marzo 2017

Lodi-quando un omicidio, diventa propaganda politica

Lodi-quando un omicidio, diventa propaganda politica
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp
Lodi 18 Marzo 2017

Era scontato che l'omicidio di Lodi sarebbe diventato spunto di propaganda politica di piccolo cabotaggio- potevano mancare i soliti noti propagandisti? Neanche per sogno! La maglietta- con la scritta:( Io sto con Mario)? Sarebbe meglio dire ( Io sto con la legge ) per rinfrescare un po la memoria a Roberto Calderoli- la legge sulla legittima difesa vigente -se non vado errato è la legge Castelli-Lega Nord. Dichiarazioni dell'Avvocato Vincenzo Stochino difensore di Mario Cattaneo l'oste che dalla sua doppietta è partito il colpo mortale- accidentalmente: ora vi ripropongo le parole dette dall'Avvocato Stochino ai microfoni di Sky-Tg24: cosi come riportati dal quotidiano Web-IlGiornale.it- " Siamo in presenza di un incidente, un colpo partito accidentalmente", aggiungendo che il suo assistito " è distrutto umanamente per quanto è successo" "Secondo Cattaneo- ha precisato l'avvocato- quando è riuscito ad aprire la porta d'ingresso dell'abitazione, si è trovato davanti mobili e cartoni che gli impedivano ogni visuale e gli impedivano di uscire. Cattaneo dunque ha cercato di forzare per uscire e in quel frangente ha perso l'equilibrio e si è sentito afferrare l'arma, quindi è caduto. Ha cercato comunque di tenere l'arma, perchè era carica.E' partito un colpo, ma l'arma non è stata lasciata neanche dall'aggressore, che anzi ha trascinato Cattaneo in terra strattonando l'arma". Morale, come è possibile che il ladro si sia beccato una fucilata di schiena? se l'arma non è stata lasciata neanche dall'aggressore come detto da Cattaneo? Domanda, se il ladro ha tenuto l'arma ci saranno rimaste le impronte sue sulle canne della doppietta- perchè il fucile non è stato consegnato subito ai carabinieri? Secondo il modesto parere, hanno ragione da vendere gli inquirenti, che qualcosa non torna nel racconto- sia di Mario, che del figlio- in questo caso sarebbe auspicabile che i complici del Rumeno si facciano vivi- per sentire anche la loro versione dei fatti. Naturalmente per il Signor Mario tutta la solidarietà umana di questo mondo.......però....la verità dei fatti si dimostra in Tribunale......questa è la legge.....poi sulla legittima difesa ci sarà da discutere a lungo........pistoleri permettendo....e politicanti avvoltoi da strapazzo.....P.S........ho una strana sensazione su questa triste vicenda..........: pennabiancalive- Lodi