Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Milano, Lombardia - 8 Gennaio 2010

Lo schianto in Corso Buenos Aires: il furgone ribaltato

Lo schianto in Corso Buenos Aires: il furgone ribaltato
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
È di una ragazza di 26 anni morta e di cinque feriti il bilancio di un incidente avvenuto tra un'auto e un furgone all'incrocio tra corso Buenos Aires e viale Tunisia a Milano. Erano le 6.30 circa quando è avvenuto l'impatto mortale tra i due mezzi che viaggiavano in direzione opposta. Secondo i primi riscontri uno dei guidatori non avrebbe rispettato il semaforo rosso centrando in pieno l'altro mezzo. Un impatto fortissimo: il furgone si è ribaltato, mentre l'auto di grossa cilindrata ha finito la sua corsa vicino a due vetrine di un negozio. È stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco per estrarre i corpi incastrati tra le lamiere: cinque nell'auto, solo l'uomo alla guida nel furgone. Niente da fare per la giovane donna, mentre per due ragazze, di 24 e 26 anni, è stato necessario il trasporto al Fatebenefratelli. Altri due feriti sono stati trasportati al Niguarda e all'ex Santa Rita. Uno è in prognosi riservata e le sue condizioni sono piuttosto gravi. L'identità della vittima, di nazionalità romena, non è stata ancora resa nota
I feriti, tutti in condizioni gravi tra cui una giovane in prognosi riservata, sono stati trasportati al Fatebenefratelli, al Santa Rita, al Policlinico e al Niguarda. Un testimone ha dichiarato di aver visto l'autista del furgoncino sbalzato fuori dall'abitacolo del veicolo. «È la seconda volta che succede una cosa del genere - ha detto Alessio Scotto, responsabile del negozio Puma - nel febbraio del 2007 un'Audi si era schiantata contro la vetrina. Allora i danni furono più gravi: fummo costretti a ricostruire una parete e molti articoli in vendita furono distrutti. Stavolta, almeno, abbiamo soltanto due vetrine da cambiare». Secondo un dipendente del megastore, Massimo, questo incrocio «è pericoloso, se ci fossero stati dei passanti sarebbe stata una strage. Ci vorrebbero delle righiere per tutelare i pedoni».