Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Afghanistan, Estero - 14 Aprile 2017

La “Madre di tutte le bombe” contro l’Isis in Afghanistan

La “Madre di tutte le bombe” contro l’Isis in Afghanistan
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp
Per la prima volta il Pentagono sgancia la Gbu 43/B, costruita e testata nel 2003 La Casa Bianca: questo è un altro grande successo, colpite le gallerie dei miliziani



FRANCESCO SEMPRINI







Nessun fronte è escluso. Il nuovo corso interventista di Donald Trump ha l’ambizione di abbracciare tutti i dossier bellici americani. È la volta dell’Afghanistan, guerra dimenticata dove stazionano 8400 militari americani, oltre a diversi contingenti internazionali, tra cui quello italiano, nell’ambito della missione Nato Resolute Support.







Il commander in chief sgancia una bomba mirata a colpire «tunnel e grotte usate dai miliziani dell’Isis». Il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, ha quindi sottolineato che nell’azione «sono state prese tutte le precauzioni per evitare vittime civili e danni collaterali», rimandando poi al Pentagono per ulteriori dettagli. L’Afghanistan non è un feudo delle bandiere nere, ma dal 2015 è infiltrato di terroristi foraggiati da Abu Bakr al-Baghdadi che sono penetrati nel Paese, insediandosi in particolare nella provincia di Nangarhar, convertendo taleban o filo-qaedisti, o combattendoli. Nella maggior parte dei casi si tratta delle stesse persone che anziché issare la bandiera bianca taleban ne issano una nera, perché incute più timore e attira denaro. «Un’altra missione di successo, sono molto orgoglioso dei nostri militari» chiosa Trump, sottolineando che i militari hanno la sua «totale autorizzazione».







La «superbomba» è la cosiddetta bomba Moab (la sigla significa «Massive ordnance air blast», ma è stata ribattezzata mother of all bombs - madre di tutte le bombe). Un’arma potentissima che pesa quasi 10 tonnellate ed è capace di distruggere tutto nel raggio di centinaia di metri. Costruita dagli Stati Uniti ai tempi della guerra in Iraq nel 2003 e costata 14,6 milioni di dollari, finora non era mai stata utilizzata in combattimento. La mossa di Trump sembra complementare alla «nuova strategia» attuata contro i militanti dell’Isis, concentrati nella provincia orientale di Nangarhar. E che arriva a pochi giorni di distanza dall’annuncio del’ambasciatore afghano, Hamdullah Mohib, secondo cui entro il 2020 non sarà necessario l’aiuto di Paesi stranieri a sostegno delle forze di sicurezza nazionali, finanziamenti esclusi.







Gli jihadisti dell’Isis hanno condotto diversi attacchi, compreso quello che ha causato ieri davanti al ministero della Difesa a Kabul almeno cinque morti e dieci feriti. Hanif Atmar, consigliere per la Sicurezza nazionale del presidente Ashraf Ghani, ha visitato varie zone assicurando che sulla base di specifiche istruzioni del capo dello Stato e di «nuove direttive», «l’Isis sarà eliminata da questa provincia». Oltre ad Atmar, hanno visitato la provincia numerosi alti responsabili dei ministeri della Difesa e dell’Interno, nonché ufficiali della Nato e dell’esercito afghano per esaminare i risultati dell’Operazione «Hamza» avviata contro l’Isis tempo fa. Il generale Muhammad Zaman Waziri ha indicato che dall’inizio dell’offensiva distretti di Achin e Kot sono stati uccisi 326 militanti dell’Isis, fra cui alcuni comandanti.


Fonte: www.lastampa.it/