Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Cosenza (Calabria) - 4 Dicembre 2017

L'apripista afferma:'c'e' qualche genitore che ci marcia su'

L'apripista afferma:'c'e' qualche genitore che ci marcia su'
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp
USARE un bimbo disabile ed ammalato per arricchirsi e' a dir poco vergognoso.

Non ci sono parole che commentino il gesto se a farlo sono i genitori stessi di questi sfortunati bimbi.

In un forum , messa alle strette da uno stuolo di interlocutori la prima mamma calabrese che ha creato il tam tam mediatico ad una cura mai esistita propinata in una clinica inesistente da personaggi che di medico non hanno mai avuto nulla, fa due affermazioni a dir poco interessanti e singolari. E quindi visto che nella truffa imbastita si ravvisano come le uniche cose vere le ritengo come tali meritevoli di attenzione.

Il termine truffa non e' casuale perche' ogni genitore e' consapevole della non bonta'/inefficacia della cura quando arriva in Florida, vede e tocca con mano lo squallore (che minuziosamente e' descritto sul sito governativo del comune dove sono ubicati gli esercizi in Florida e nel verbale di arresto del Dr. Daviglus F. George e del tecnico Larce Barck). Se toccato con mano la non bonta'/inneficacia della cura si continua su suolo italiano ad estorcere soldi ad ignari donatori solo per il proprio tornaconto economico per la legge italiana si commette il reato di truffa.

La prima affermazione come si legge nell'immagine e' la seguente : ' LA REGIONE CALABRIA MI HA DATO LA SOMMA INTERA DEL PREVENTIVO DELLA TERAPIA CHE E' DI 126 MILA (126.000) DOLLARI CIOE' 90 MILA (90.000) EURO'.

La seconda affermazione che si legge e' : ' omissis...anche se probabilmente mi rimarranno dei fondi perche' ho raggiunto la cifra che credevo ci volesse per un anno (300.000 EURO!!!) li usero' per il secondo anno fino a finirli , se continuo a chiedere aiuto (=soldi) , e' perche' non riusciro' ad arrivare alla fine del secondo anno con quelli che ho, omissis...comunque, se pensate che vogliamo farci i soldi SU NOSTRO FIGLIO sappiate che non e' cosi che se Riccardino dovesse essere miracolato dal Signore noi li daremmo tutti in beneficienza i soldi non fanno la felicita', CERTO C'E' STATO E C'E' ANCHE QUALCHE GENITORE CHE CI MARCIA SU....'

Ora se tutti coloro che leggono il presente articolo , i precedenti ed i successivi condividono in massa ed invitano altri a diffondere la truffa finalmente giunge alla corte dei conti competente per la Calabria e di tutta Italia oltre che in tutte le 110 procure d'Italia.

Il forum da cui e' tratta la conversazione e' DISABILIFORUM che non solo ha monitorato negli anni le cifre mostruose delle inutili raccolte fondi fatte per raggiungere una meta di cura inesistente MA HA PURE FOTOGRAFATO UNA COSA SINGOLARE. Raggiunte infatti cifre stratosferiche questi genitori si sono defilati dal web, dalle TV e dai giornali col gruzzoletto...

E' disumano sprecare denaro pubblico che dovrebbe essere utilizzato per ammalati veri e bisognosi per 'curare' un bambino affetto dalla Sindrome di West (branchia dell'epilessia) in Florida alla Therapies4kids ed Ocean Hyperbaric Neurological Center che mai sono stati autorizzati da FDA Food and Drug Administration, dove non esistono medici e terapisti veri. Di vero ci sono solo i precedenti penali dei titolari ed il marcio che minuziosamente ho fatto emergere nei miei precedenti articoli.

In quanto all'affermazione che c'e' stato e c'e' qualche genitore che ci marcia su (scroccando soldi alla ASL ed al prossimo con le inutili raccolte fondi) e' doveroso sottolineare la modestia / dimenticanza di questa mamma mediatica che avrebbe dovuto usare un NOI.... https://www.youtube.com/watch?v=0cCv2EG8f_8 . Un anno dopo la dichiarazione immortalata su disabiliforum infatti ripete la bugia che servono 300.000 euro all'anno per curare suo figlio in Florida e l'anno prima ammette il contrario.

Insomma e' proprio il caso di dire che le bugie hanno le gambe corte ... ed un click deve fare la differenza per il bene di tutti gli ammalati veri d'Italia