Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Vibo Valentia, Calabria - 18 Novembre 2011

Le Grotte Di Zungri In Calabria

Le Grotte Di Zungri In Calabria
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
A partire da XII secolo si determinò in Calabria una significativa immigrazione di gruppi etnici dall'Oriente (in larga misura religiosi) ed un arretramento degli insediamenti abitativi verso l'interno, anche in rapporto alle incursioni arabe lungo le coste. La Calabria quindi e tutt'ora costellata di grotte utilizzate come grange, romitori, cenobi, che testimoniano un particolare modello di vita sociale che ebbe come protagonisti i monaci 'Basiliani'. Queste testimonianze trovano la più alta espressione a Zungri nel cosiddetto Insediamento Rupestre degli Sbariati, sia per la vasta area d'interesse (Fosso Poro, Malopera, Favati) che costituisce la testimonianza più rilevante della regione, sia perché risulta documentata una frequentazione del sito fino al XIV secolo, avendo integrato in molti casi le strutture ipogee (case scavate nella roccia) con manufatti epigei (strutture fuori terra) che contribuiscono ad arricchire, sul piano storiografico ed urbanistico/architettonico, l'insediamento rupestre di Zungri. Il villaggio rupestre datato dagli studiosi fra il XII - XIV secolo è costituito da circa 100 case-grotta scavate nella roccia con ambienti monocellulari e bicellulari, alcuni anche a più piani, si articola su un costone esposto a sud-est lungo uno dei versanti del fosso Malopera ed occupa una superficie di circa 3000 mq. Chiaramente leggibile è l'impianto urbano dell'insediamento e la rete viaria che si articola con percorsi-scalinate che da monte a valle conducono alle varie cellule abitative ipogee. La forma di tali strutture è varia, si passa dalla forma circolare alla forma quadrata o rettangolare, alcune hanno una copertura con volta a cupola con un foro centrale per l'aerazione, altri presentano finestre, di forma circolare o rettangolare, che si affacciano lungo il percorso principale. L'interno delle grotte è caratterizzato dalla presenza di numerose nicchie alle pareti adibite a diversi usi, e dalla presenza degli incassi per la sistemazione di letti mensole e cavicchi. Interessantissimo quindi il sito archeologico che ci mostra e ci fa capire i modi di vita e l'organizzazione socio-economica di popolazioni così lontane nel tempo, la vista all'Insediamento Rupestre lascia il visitatore affascinato dalla particolarità del sito e dal mistero che ogni angolo e ogni scorcio evoca, per un periodo storico del quale si ignorano aspetti così particolari.