Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Olbia-tempio, Sardegna - 29 Agosto 2011

Il re delle onde è sempre Rebiere

Il re delle onde è sempre Rebiere
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
ISOLA ROSSA. È il 33enne funambolico surfista franco brasiliano Eric Rebiere il re delle onde dell'Isola Rossa, sede dell'ottava edizione del Frozen Open 2011, manifestazione andata in scena ieri nelle acque della Marinedda, organizzata dalla Neos Surf Club, presentata da Monster Energy e patrocinata dalla Federazione di surf da onda Surfing Italia, dall'Aics e dal comune di Trinità d'Agultu.

Mare e vento non hanno deluso le aspettative del folto e appassionato pubblico che nel corso della giornata ha affollato la spiaggia e scandito il ritmo con il battere delle mani, in attesa di vedere all'opera gli specialisti della tavola, superstar dell'onda che a giudicare dall'entusiasmo non hanno affatto deluso le aspettative.

Così dopo la lunga attesa dovuta alla pace dei venti, dopo i dubbi da vigilia sulla partecipazione di Rebiere causa infortunio al ginocchio, il maestrale scaccia la paura del rinvio ed il franco brasiliano, sbarcato in extremis sull'Isola, ribadisce un concetto già espresso lo scorso anno: è lui il signore delle onde di la Marinedda.

Così ha decretato la giuria tecnica presieduta da Graziano Lai, per un podio che oltre al pluricampione del surf fa registrare il secondo posto del diciottenne Roberto D'Amico, altra piacevole ed inaspettata sorpresa dell'ottavo Frozen Open, dato per assente perché infortunato ed invece arrivato in Sardegna all'ultimo minuto ma in tempo utile per sottoscrivere l'iscrizione e conquistare l'argento nella competizione con uno scarto minimo rispetto al vincitore.

Al terzo onorevole posto è arrivato invece il sassarese Gavino Dettori, in gara anche suo fratello Davide, primo fra gli interpreti della disciplina made in Sardegna ed oggi, iniziato all'arte del cavalcare l'onda nelle acque di Platamona, assolutamente all'altezza nel gareggiare con i giganti della tavola.

A fine giornata, dopo aver stilato la classifica finale (quarto Lorenzo Castangia, toscano residente a Buggerru) ed aver mandato in archivio la cerimonia di premiazione 2011, sulla spiaggia si è scatenata la festa, riservata ai 21 atleti partecipanti, al gioioso popolo del surf, agli appassionati ed ai tanti curiosi che hanno accompagnato lo svolgersi dell'ottava edizione e che già si sono dati appuntamento per la mareggiata del 2012.
by: La Nuova Sardegna.
reporter: Alessandro.