Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Padova (Veneto) - 2 Giugno 2009

Il parroco shock: Fede e gli altri andrebbero fucilati

Il parroco shock: Fede e gli altri andrebbero fucilati
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
IL DEBITO PUBBLICO

In marzo del 2009 il debito pubblico dell'Italia è aumentato di 40 miliardi di euro in un mese, arrivando a toccare la somma di 1.741 miliardi di euro di debiti.
L'unico che in questi 15 anni ha tentato di mettere riparo al debito pubblico è stato il Governo Prodi, tanto vituperato e mandato a casa, perchè troppo statico.
Ora il debito che tre anni fa ammontava a poco meno di 1.200 miliardi di euro, ora è già a 1.741 miliardi di euro.
Non so se ce ne rendiamo conto che cosa significhi per l'Italia questo tipo di politica, in cui la gente è invitata a tirare la cinghia e a fare dei sacrifici, mentre i politici, i responsabili delle Ferrovie, dell'Enac (ex Alitalia), della Banca d'Italia, delle grandi Aziende nazionali, i parlamentari europei, gli amministratori pubblici se la passano alla grande (la Regione Sicilia ha assunto in questi giorni 500 nuovi impiegati... nonostante abbia più debiti di ogni altra Regione e in proporzione il triplo di impiegati della Lombardia e del Piemonte).
Il Capo del Governo in questi giorni ha autorizzato l'acquisto di 131 nuovi caccia bombardieri per una spesa complessiva di 13 miliardi di euro... perchè deve farsi bello di fronte al mondo: siamo anche noi una "temibile potenza bellica"... (Quando i nostri soldati sono stati traghettati su tre navi a Beirut, qualche anno fa, due di queste hanno dovuto interrompere la traversata in mare per avaria... ). Altro che potenza bellica !
" Se qualcuno perderà il lavoro - disse un giorno il nostro caro Presidente - non sarà lasciato solo" ... E infatti sono molti a fargli compagnia !
Un'altra espressione che di tanto in tanto ama pronunciare.
" Abbiamo le Banche forti. Noi siamo al riparo dalla crisi economica,"
E probabilmente è vero: le Banche sono forti, ma siamo noi che non ci sentiamo tanto bene.
Anzi sembra - e ci viene ripetuto con insistenza - che la crisi economica sia "una questione psicologica"; e quindi probabilmente basterebbe una camomilla perchè il nostro Paese tornasse a prosperare.
Poi si scopre che i nostri impiegati e operai hanno gli stipendi più bassi, tra i 30 Paesi censiti dall'Ocse (naturalmente fanno eccezione gli stipendi dei nostri parlamentari, tra i più alti...
ne va della dignità dell'Italia).
A volte qualcuno è proprio malato e ha dei problemi personali molto seri... ma non ha il coraggio, la decenza, l'onestà di ammetterlo, come fa chi ci governa.
Per novembre il Presidente Berlusconi farà il miracolo di dare a tutti i terremotati una nuova casa.
Come possa dire "balle" talmente enormi e trovare ancora gente che gli creda... solo Dio lo sa!
E solo Dio sa come fa andare avanti ancora l'Italia, con una situazione economica così incerta e traballante: in mano alla mafia, con una Giustizia che non giudica, con una amministrazione che solo per aprire un contatore del gas ti chiede 10 centimetri di carte e mesi davanti a qualche sportello, dove per una visita medica, se non ti puoi permettere di aspettare, devi pagare un servizio che dovrebbe essere gratuito, dove le immondizie sono sempre un'emergenza e uno scroscio di pioggia fa crollare i ponti, solo perchè qualcuno che avrebbe dovuto intervenire non si è preso la briga di verificare la staticità; e dove un impiegato pubblico non si scomoda per controllare se le piste di atterraggio degli aerei siano ben segnate (a Linate 105 morti dovuti alla superficialità di un paio di responsabili).
E se un domani, alle prossime elezioni, vincesse la sinistra... (mi auguro che non succeda!) mi domando che cosa governerà? Un cumulo di macerie !
Che cosa governi, se chi ti ha preceduto ha praticamente distrutto tutto: come si amministra e si governa una città in cui le case sono distrutte e la gente è alla miseria?
E la miseria è solo per i poveri! I ricchi se la cavano sempre!
Succederà che quando Berlusconi si toglierà di mezzo, le cose saranno molto peggio di quando ha assunto il potere. E potrà dire che non è riuscito a fare di più e meglio perchè non ha avuto abbastanza tempo, o che le opposizioni gli hanno impedito di realizzare i suoi progetti... o che ha avuto addosso tutti i comunisti... nemici di Dio e del suo messia (lui stesso).
"I suoi progetti" non c'è dubbio che nel frattempo li avrà realizzati... è che non ha realizzato "i nostri".
Quanto sto chiedendomi da alcuni anni é: come fa la gente a non rendersi conto della situazione in cui ci sta cacciando questo Governo ?
Sta portando la nave alla deriva e noi gli battiamo le mani.
Sto pensando: il nostro amato e osannato Presidente deve essere molto più bravo e capace di quanto io riesca a rendermi conto... Non riesco proprio a comprendere (naturalmente per le mie modeste possibilità intellettuali) tutta la sua smisurata intelligenza e strategia politica, da statista unico e irrepetibile...
D'altra parte, è impossibile che milioni di persone, milioni di italiani si sbaglino tutti; vivano in un perpetuo letargo da non rendersi conto di quanto sta succedendo attorno.
Devo essere certamente io, "pessimista", a leggere male la storia e il momento politico che stiamo vivendo !
E Dio sa quanto vorrei potermi sbagliare!
1.741 miliardi di debito pubblico, significa che stiamo per arrivare a quella soglia, ormai prossima, oltre la quale l'Italia non sarà più in grado di pagare neppure gli interessi di questi debiti (oggi si aggirano sugli 80 miliardi di interessi l'anno) quando non riusciremo a pagare più gli interessi sul debito pubblico, possono succedere varie cose:
o il Governo stampa carta moneta (andando verso un'inflazione disastrosa che innescherà una ribellione popolare)
oppure non si potranno più pagare le pensioni, gli stipendi agli impiegati statali, e non si riuscirà a restituire i prestiti (BOT) ai privati,
oppure ancora il Governo si dimette, lasciando spazio a qualcun altro a rimediare i danni e a ricostruire uno Stato distrutto (vedi Argentina, di cui non si parla più, ma ancora in miseria).
Non me la prendo con il Capo del Governo, lui fa il suo mestiere di imprenditore interessato a difendere le sue proprietà, opportunista venditore di fumo, megalomane psicopatico, barzellettiere e "ballista" come pochi altri....
Dovrebbe stare in galera e invece ce lo troviamo Capo del Governo...
Non me la prendo con Berlusconi, il suo orgoglio senza limiti lo fa vivere in un mondo in cui lui è convinto di essere al vertice e al centro dell'universo.... Non me la prendo con lui !
E' evidente: fintanto che gli battiamo le mani e ci guadagna pure con il mestiere che fa (è l'unico in Italia ad averci guadagnato 156 milioni di euro lo scorso anno, a differenza di tutte le altre aziende italiane) gli conviene tenersi stretta la sedia che occupa... Non me la prendo con lui....
Me la prendo con tutti i tirapiedi, i leccacu.... gli omuncoli obbedienti prostrati ai suoi piedi, i professionisti dell'adulazione e del servilismo più abietto, i contorsionisti manipolatori della verità, bieche figure di immoralità pubblica, chiudono gli occhi, zittiscono la propria coscienza, negando l'evidenza e impedendo che si arrivi a sapere...
Me la prendo con i telegiornali nazionali e i programmi RAI che tirano la volata a Mediaset, per la stupidità e l'immoralità che trasudano.
Me la prendo con una caterva di personaggi meschini e senza onore: Emilio Fede, Bruno Vespa, Bel Pietro, Mimun, Vittorio Feltri, Gianni Riotta, Mario Giordano, Confalonieri, Paolo Bonaiuti, Bondi, Cicchitto, Gasparri, Renato Schifani... un'infinità di giornalisti, imprenditori e parlamentari che sistematicamente lo difendono, negando l'evidenza dei fatti,... tutti i galoppini in adorazione davanti a lui, rapiti dalla sua parola.
Tutta questa gente meriterebbe di essere (passi l'esagerazione) "fucilata"... perchè non possono non essere più intelligenti di me e non possono non vedere quanto è evidente a un cieco.

Più visti della settimanaTutti