Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Padova (Veneto) - 4 Dicembre 2017

Giovanni Belzoni alla scoperta dell’Egitto perduto

Giovanni Belzoni alla scoperta dell’Egitto perduto
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp
Padova, Palazzo Moroni-Sala Paladin
7 dicembre 2017, ore 17.00



Presenta il volume Francesca Veronese, Musei Civici - Museo Archeologico
Saluto dell’Assessore alla Cultura Andrea Colasio

Sarà presente l'autore

Giovanni Battista Belzoni, padovano nato nel quartiere del Portello (1778 – 1823), è figura affascinante legata alla scoperta dell’Egitto. Figlio di un barbiere, curioso e intelligente, fin da giovane Belzoni si sente imprigionato da orizzonti troppo stretti. Decide così di lasciare Padova per approdare, dopo diverse vicissitudini, in Inghilterra, dove intraprende la carriera teatrale grazie a una statura straordinaria e a una notevole prestanza fisica. Nel 1815 arriva in Egitto e qui resta ammaliato da quell’antica, quanto allora poco conosciuta, civiltà millenaria. Come un Indiana Jones ante litteram, Belzoni intraprende tre viaggi lungo il Nilo per esplorare quel mondo sconosciuto. Scopre così luoghi e monumenti che oggi sono meta abituale dei viaggi turistici: a lui si deve il disseppellimento del grande tempio roccioso di Abu Simbel, la scoperta della magnifica tomba del faraone Sethi I e l’ingresso nella piramide di Chefren, allora ritenuta impenetrabile e priva di accessi. Molti dei reperti egizi rinvenuti da Belzoni sono ora conservati al British Museum di Londra: esemplare il “giovane Memnone” con le sue 7 tonnellate di peso. Ma anche il Museo Archeologico di Padova può vantare alcuni pezzi straordinari, dono dell’esploratore alla sua città natale.
Nel libro di Siliotti tutte le avventure belzoniane sono ripercorse e riccamente illustrate: un invito a conoscere un personaggio straordinario, la cui vita “fuori dagli schemi” ha finito per ispirare il mondo del cinema.

Alberto Siliotti (Verona, 1950) è un giornalista, fotografo e scrittore italiano che si dedica da oltre vent’anni allo studio della storia, della cultura e dell’ambiente naturale dell’Egitto, paese nel quale ha iniziato a lavorare come inviato speciale prima e poi come direttore della Spedizione Horus patrocinata dal Ministero degli Affari Esteri nel 1988.Ha partecipato e diretto numerose missioni scientifiche e spedizioni nel Sahara orientale egiziano e curato importanti mostre (Viaggiatori Veneti alla scoperta dell'Egitto, Padova e l'Egitto, La magia in Egitto ai tempi dei faraoni, L'inaugurazione del canale di Suez).
È membro dell'Egypt Exploration Society[1] e dell'Egyptian Geographical Society.
È autore di oltre 30 libri e guide di successo, tradotti in numerose lingue e pubblicati per la maggior parte dalle case editrici White Star e American University in Cairo Press.
Dal 2004 lavora presso la casa editrice Geodia di cui è direttore editoriale.

Informazioni
Ingresso libero

Settore Cultura Turismo Musei e Biblioteche
Tel. 049 8204572
museo.archeologico@comune.padova.it