Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Conegliano (Treviso, Veneto) - 27 Gennaio 2009

Giornata della memoria a Conegliano

Giornata della memoria a Conegliano
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
Conegliano, 27 gennaio 2009
COMUNICATO STAMPA (+ foto)

Da Conegliano continua la ricerca sulle deportazioni nei lager nazisti

Il sindaco Maniero: "Nelle prossime settimane arriveranno le notizie sulla sorte toccata alla giovane Ida Serafin. A febbraio con una nutrita delegazione saremo ad Auschwitz per continuare il percorso di commemorazione"

Ci sono ancora speranze di conoscere la sorte che subì la giovane Ida Serafin dopo la sua deportazione nel lager di Auschwitz. L'annuncio è stato dato nel corso della cerimonia di questa mattina a Conegliano, dove più di 500 studenti di tutte le scuole e istituti coneglianesi si sono dati appuntamento per la "giornata della memoria".
"La memoria si consolida con i discorsi ma soprattutto con le azioni concrete - ha detto il sindaco di Conegliano, Alberto Maniero, nel corso del suo intervento - per questo va il plauso alla ricerca che i giovani del Liceo Scientifico fecero dieci anni fa e che continua relativamente alla sorte di Ida Serafin, la ragazza di 17 anni arrestata dalle SS e deportata perché sorella di un partigiano".
Deportata insieme alla madre ad Auschwitz con il treno 29 T partito da Trieste il 21.6.1944 e arrivato ad Auschwitz il 25.6.1944, di Ida Serafin non si è saputo più niente.
"Grazie all'impegno del professor Pucci e dei suoi studenti tra qualche settimana avremo novità da un importante archivio tedesco - ha aggiunto il sindaco di Conegliano, Alberto Maniero - siamo certi che continuando la ricerca conclusa 10 anni fa, che ha evidenziato più di 1.000 deportazioni da questo territorio e 116 decessi nei lager, si scoprirebbero ancora tante storie e vicende come quella di Ida Serafin".
La cerimonia tenutasi a Conegliano questa mattina è stata all'insegna della partecipazione scolastica. Otto istituti superiori rappresentati, 4 plessi di scuola media (Grava, Cima, Brustolon, Rua di Feletto), 1 circolo di scuole elementari. Presenti anche le Autorità cittadine, le Associazioni Combattentistiche e d'Arma, le Forze dell'Ordine, diversi membri della Giunta e del Consiglio Comunale.
"Abbiamo voluto una cerimonia all'insegna dela partecipazione e della condivisione da parte dei ragazzi - conclude il sindaco, Alberto Maniero - molti di loro saranno presenti anche al viaggio da Conegliano ad Auschwitz, un'esperienza unica e formativa. Un grazie sentito va a tutti i dirigenti scolastici della città per il supporto che hanno dato a questa iniziativa, che ritengo un caso di eccellenza da poter portare all'attenzione nazionale".
La cerimonia ha visto la lettura di sei testimonianze da parte degli studenti del Liceo Classico "Marconi" e ad ogni lettura due studenti della Grava hanno deposto i sassi sul Monumento che contiene la terra di Auschwitz
Dopo la deposizione della corona da parte dei ragazzi e delle autorità, si sono tenuti gli interventi Musicali degli studenti della Scuola Media Grava classi 3F e 3G (Insegnanti Dal Mas e Fighera), l'esecuzione di un brano musicale da parte degli studenti della Scuola Media Cima (Insegnante Galifi), la lettura di un testo da parte degli alunni della classe V^ della Scuola Pascoli, la lettura di due brani da parte studenti della classe 3^ Iter dell'ITT Da Collo (Insegnanti Mimma Casciaro e Laura Segato).
Alla cerimonia erano presenti degli ex internati: il portabandiera Domenico Zanchetta. Inoltre la presidente dell'Associazione Nazionale ex Internati sezione di Conegliano sig.ra Giulia Bareato ved. Perini.

9-10-11 febbraio 2009, viaggio ad Auschwitz
Un viaggio lungo, di oltre 14 ore, attraverso 4 Paesi (Italia, Austria, Repubblica Ceca, Polonia), che condurrà una ampia delegazione coneglianese, formata da più di 100 persone, nella lontana Auschwitz.
"Avevamo già annunciato lo scorso anno l'intenzione di estendere a tutti gli istituti scolastici una seconda iniziativa, quella del viaggio ad Auschwitz, recandosi di persona e toccando con mano quanto resta delle atrocità vissute dai deportati ? conclude il Sindaco, Alberto Maniero ? è stato uno sforzo notevole a livello di condivisione e organizzativo ma che sta dando grandi soddisfazioni. Insieme a due classi del liceo scientifico, in visita d'istruzione, si unirà un gruppo di oltre 60 tra consiglieri comunali, docenti e studenti di Conegliano. Un'esperienza unica che dà maggiore senso e sostanza alla celebrazione del 27 gennaio".
Il viaggio ad Auschwitz si terrà il 9-10-11 febbraio con circa 100 partecipanti: 35 tra studenti e docenti del Liceo scientifico "Marconi", più di 60 tra rappresentanti dell'Amministrazione Comunale (Sindaco e Giunta), del consiglio comunale (presidente e 10 consiglieri), docenti di tutte le scuole e studenti delle superiori, in rappresentanza degli oltre 11mila che frequentano le scuole della città. Tutti i partecipanti concorrono al viaggio a spese proprie.