Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Castelnuovo Del Garda (Verona)

Gardaland Sea Life Aquarium lancia Stop Whaling

Gardaland Sea Life Aquarium lancia Stop Whaling
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp
Tutti i SEA LIFE del mondo hanno sottoscritto con la "Whale and Dolphin Conservation Society" (WDCS) un accordo triennale per promuovere il progetto "STOP WHALING", una campagna per fermare la caccia alle balene.

WDCS International è l'unica organizzazione globale non governativa che si dedica esclusivamente alla protezione e alla salvaguardia delle balene, dei delfini e del loro habitat, tramite ricerche affidabili, un efficace supporto di sostenitori motivati, l'integrità e la prospettiva di garantire un futuro positivo e sicuro per questi magnifici animali.

Fondata nel 1987, WDCS vanta un organico di oltre 70 persone, affiancate da molti volontari, con uffici in Argentina, Australia, Austria, Germania, Regno Unito e Stati Uniti e una rete mondiale di consulenti, ricercatori e sostenitori. Negli ultimi anni WDCS ha istituito 43 progetti di ricerca e conservazione in 27 nazioni del mondo.

Anche Gardaland SEA LIFE Aquarium ha aderito al progetto: a tale scopo è stato allestito ? proprio in questi giorni ? uno spazio all'interno dell'Acquario chiamato SOS Room dove i visitatori saranno sensibilizzati su questa tematica attraverso pannelli informativi.

Gli ospiti di Gardaland SEA LIFE Aquarium, infatti, potranno supportare in prima persona la causa sottoscrivendo delle cartoline-appello all'Unione Europea affinché si opponga alla caccia alle balene ad uso commerciale. Tali cartoline saranno raccolte a Gardaland SEA LIFE Aquarium, così come nei SEA LIFE di tutto il mondo, e consegnate a WDCS che le inoltrerà all'UE. Nello stesso modo, i sostenitori di WDCS hanno già aiutato a fermare la caccia alle megattere nell'Oceano Artico.

Nonostante esista un divieto internazionale, dal 1986 a oggi sono state uccise ben 30.000 balene in Giappone, Islanda e Norvegia. E, come se non bastasse, alcuni Stati stanno contemplando la possibilità di raggiungere un accordo con il Giappone che consentirebbe di legalizzare la caccia alle balene a scopi commerciali. WDCS e SEA LIFE ritengono che sia necessario esercitare pressioni sull'UE e sui governi delle singole nazioni per impedire ogni tipo di accordo che possa reintrodurre questa barbara attività, ovvero per far sì che resti in vigore il divieto di caccia alle balene imposto dalla International Whaling Commission e affinché si agisca subito per fermare il commercio di prodotti derivati dalle balene.

Per ulteriori informazioni: www.whales.org