Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Roma (Lazio) - 22 Febbraio 2018

Free Vax: Più vivi che mai

Free Vax: Più vivi che mai
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp
È iniziata l'ultima settimana quella del conto alla rovescia, quella che sabato prossimo vedrà arrivare migliaia di persone, famiglie nella piazza delle piazze, Piazza di San Giovanni in Laterano. Il 24 di Febbraio, come più volte ripetuto dagli organizzatori della manifestazione, è il giorno che chiuderà un ciclo storico sul dibattito vaccini nel nostro paese. Tutto iniziò il 29 ottobre del 2016 a Roma.
Al di là di come la si possa pensare sui vaccini, la variante impazzita sulla questione è stata senza ombra di dubbio, la legge Lorenzin quella che ha introdotto il super obbligo dei 10 vaccini nel nostro paese; inizialmente il numero era di 12.
All'indomani della presentazione della prima versione del decreto 119, erano contemplati addirittura 2 vaccini in più ma ad infiammare la discussione in modo trasversale furono soprattutto le primordiali sanzioni con le quali si sarebbero puniti i genitori inadempienti: arrivando persino a parlare di sottrazione del minore agli stessi.
Da quel momento è stato un crescendo, i numeri parlano chiaro: ad aumentare sono stati proprio i Free Vax in Italia; rappresentando oggi un quoziente non trascurabile a livello di opinione pubblica e quindi forza elettorale.
Voti, quelli dei Free Vax, che fanno gola a molti ma che non sono in vendita come hanno tenuto a precisare gli organizzatori della manifestazione di sabato prossimo: “la nostra forza è proprio questa, il totale disimpegno da ogni partito, nessuno escluso, perchè la forza di questo movimento è più che mai determinata dalla nostra indipendenza e dal fatto di rappresentare un vero movimento civile che al cui interno confluiscono le esperienze e le estrapolazione più diverse”.
Sabato prossimo Roma ospiterà i due eventi che potranno spostare l'opinione pubblica in vista del voto del 4 marzo prossimo.
E se è vero che, la questione fascismo/antifascismo sembra scaldare sempre di meno il cuore degli italiani, quella dei vaccini può infiammare e non poco.
Alla fine, come sempre, conteranno solamente i numeri.