Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Ungheria, Estero - 30 Novembre 2010

Erasmus Budapest

Erasmus Budapest
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
Budapest presente.
Gli studenti e le studentesse Italiane in Erasmus a Budapest rispondono presente all'appello lanciato dai loro colleghi in Italia contro il DDL Gelmini.
In un Paese, quale l'Ungheria, in cui la cultura italiana viene insegnata e studiata dalle scuole medie, inferiori e superiori, fino a molte delle università presenti sul territorio ungherese, come studenti sentiamo il dovere di dimostrare il nostro completo dissenso verso un provvedimento che demolisce, ancora più di quanto non si sia fatto, il sistema universitario italiano e la ricerca.
La fuga dei cervelli italiani è arrivata anche a Budapest. Non pochi sono, infatti, i ricercatori o i dottorandi che vengono a terminare i loro studi qui in Ungheria, poiché privati delle risorse necessarie per terminarli in Italia.
Siamo partiti con un'università al collasso, con aumento di tasse, gli atenei che sempre più adottano il sistema del numero chiuso, ma ancora capace di essere Pubblica. L'Erasmus, fino a questo momento, ci ha permesso di entrare a contatto con realtà diverse dalle nostre, una realtà europea in cui l'università è efficiente e lo mostra. Ci confrontiamo con studenti di altri paesi dell'unione in cui l'università, la ricerca e più alla base la semplice cultura, non è un privilegio, un settore da eliminare o da limitare economicamente, ma una risorsa e un simbolo di democrazia.
Noi, come tutti gli studenti italiani all'estero ci domandiamo sempre con più insistenza:
Vale la pena tornare? A questo domanda, riuscire a trovare una risposta che sia positiva è indubbiamente difficile. L'università italiana ha bisogno di una maggiore cura e di fondi che permettano di raggiungere un grado di eccellenza al pari delle altre università europee e non dei tagli, ingiustificabili, degli ultimi tre anni.
Crediamo fermamente che l'Italia e l'università italiana ha bisogno dei suoi studenti, dei suoi giovani, per vivere e non sopravvivere. Noi ci siamo.


Student@ErasmusBudapest

Più visti della settimanaTutti