Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Roma, Lazio - 6 Febbraio 2012

Eni, emergenza gas sicuro fino a mercoledì

Eni, emergenza gas sicuro fino a mercoledì
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp
Le temperature sono rigidissime da nord a sud e il maltempo fa registrare altre tre vittime: un camionista, trovato morto all'interno del suo mezzo, in Abruzzo, lungo la strada statale 690 Avezzano-Sora; un uomo, forse un extracomunitario quarantenne, trovato morto in un casolare abbandonato nel mantovano, probabilmente a causa del freddo, e un anziano di 84 anni morto da alcuni giorni a Campomarino Lido (Campobasso). Una valanga è caduta in val di Slingia, poco lontano da passo Resia in Alto Adige. Vi sarebbe un disperso.

La perturbazione che sta assediando l'Italia non accenna a mollare la presa, da nord a sud. Il capoluogo lombardo si è risvegliato con una temperatura di -10 gradi e ghiacchio su auto e strade. Piccoli tamponamenti e due incidenti più seri, ma senza feriti gravi. Per quanto riguarda la capitale, il sindaco Alemanno ha fatto sapere che "Roma è funzionante, ci prepariamo a riaprire tutto domani mattina".

Comincia a diventare critica la situazione sul fronte del gas. "Dalla Russia e dalla Francia sono diminuiti i flussi, ma la situazione è ben monitorata", ha detto il ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera. "Siamo in emergenza e abbiamo reagito aumentando le importazioni di gas dall'Algeria e dal nord Europa attraverso la Svizzera. Quindi non abbiamo problemi fino a mercoledì", ha detto a Radio 24 l'amministratore delegato dell'Eni, Paolo Scaroni. La Commissione europea è in contatto con le autorità italiane ed è pronta a valutare misure di aiuto, se si rendessero necessarie. ha indicato una portavoce di Bruxelles. Italia, Romania e Germania hanno flussi diminuiti dalla Russia.

La presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, è "preoccupata" sulla situazione della forniture di gas all'Italia. E' quanto ha detto a margine di un conferenza, aggiungendo "bisogna mettere mano alle riserve di gas, non si può agire solo sulle imprese".

La Protezione civile ha diramato un nuovo allerta meteo per segnalare l'arrivo di piogge al Sud e neve fino a quote di pianura su Emilia Romagna, Abruzzo, Molise, Marche, Campania e Puglia. Più a lungo termine, a partire da venerdì prossimo, nuova ondata gelida in arrivo dalla Russia. E ancora rischio neve a Roma.

GAS, FUORI USO RIGASSIFICATORE ROVIGO - Il rigassificatore di Rovigo, al largo delle coste venete, è fuori uso a causa del mare grosso. L'interruzione aggrava la situazione già critica delle forniture di gas, perché fino a quando non miglioreranno le condizioni meteo nessuna nave potrà ormeggiare. Il perdurare delle avverse condizioni meteorologiche, spiega Adriatic Lng, gestore del terminale, "ha avuto impatti sul programma di ormeggio delle navi metaniere per motivi di sicurezza. Il volume di gas inviato nella rete nazionale gasdotti è stato ridotto e la ripresa delle normali attività dipenderà dall'evoluzione del meteo". Il rigassificatore di Rovigo ha una capacità di rigassificazione pari a 8 miliardi di metri cubi di gas naturale l'anno (775 milioni di piedi cubi al giorno), corrispondenti a circa il 10% del consumo nazionale di gas.

Questo il quadro dettagliato nelle regioni:

TRENTINO - Cielo sereno e nessuna nevicata ma il freddo è polare. A Trento e Bolzano le minime sono a -10 e la massima non supera lo zero. Le temperature più basse in Val Pusteria, con -20 a Brunico e -18 a Dobbiaco.

VALLE D'AOSTA - Temperature di molti gradi sotto lo zero, ma anche sole dappertutto. Ad Aosta il termometro ha fatto segnare nella notte -11,5 gradi e all'aeroporto Corrado aeroporto Gex, nella periferia Est della città, quasi -15 gradi. Il minimo segnalato dalle rete meteorologica regionale è -20,6 gradi a Punta Helbronner (Courmayeur) a 3.460 metri di altitudine.

PIEMONTE - Il maltempo è caratterizzato non più dalla neve, ma dal gelo; le situazioni più critiche restano nel cuneese. A Fossano un condominio è stato evacuato per le crepe ai muri causati dalle infiltrazioni d'acqua. All'ospedale di Domodossola, dove l'acqua è penetrata in alcuni ambulatori.

LOMBARDIA - Un uomo è stato trovato morto in un casolare abbandonato nel Mantovano. La vittima, un extracomunitario di una quarantina d'anni, sarebbe deceduta per il freddo. Temperature siberiane in gran parte della Lombardia e in particolare in Valtellina e in Valchiavenna: a Trepalle (Sondrio), il termometro segnava -35 alle 8. - 31 a Livigno (Sondrio). A Milano - 10 fino alle 7 di stamane.

VENETO - E' battuto da un freddo glaciale, con cielo sereno e minime che hanno toccato i -25 gradi a Pian di Marcesina (Vicenza). -22 ad Asiago, a Belluno la minima di stamani ha segnato -13 gradi. Gelo anche in pianura con Verona -11, Vicenza -10, Treviso -9, Rovigo -8 e Venezia e Padova -7.

EMILIA ROMAGNA - Nevica ancora in Romagna. Sono stimati altri 15-25 centimetri, che si aggiungeranno ai due metri e oltre raggiunti in alcune zone dell'Appennino riminese.

TOSCANA - Pericolo ghiaccio, ma nevica debolmente solo alle quote più alte, mentre sono rigide le temperature su tutta la regione: nella sola provincia di Firenze durante la notte non ci sono state temperature superiori ai -2,5 gradi.

MARCHE - E' piena e continua a nevicare. Ancona ha chiesto aiuto all'Esercito per liberare le frazioni: in giornata arriveranno 14 spalatori del 28/o Reggimento da Pesaro, e altri 17 (e 6 spazzaneve) da Piacenza. Situazione estremamente critica nel Montefeltro, con molte frazioni ancora isolate sotto 3 metri di neve, e nell'entroterra di Fabriano.

UMBRIA - Non nevica più stamani e in diverse località ha anche fatto capolino il sole. La temperatura si è comunque ulteriormente abbassata quasi dovunque. Il termometro è rimasto sotto zero in diversi centri.

ABRUZZO - A causa dei problemi ai trasporti che stanno creando le forti nevicate, la Sevel di Atessa ha annunciato lo stop produttivo. Un camionista è stato trovato morto nel suo mezzo.

LAZIO - A Roma la situazione sta tornando alla normalità. Nell'alta Valle dell'Aniene i problemi per l'emergenza neve non sono ancora finiti, con molti paesi ancora in difficoltà dopo la forte nevicata che da giorni paralizza il comprensorio.

BASILICATA - Nevica su parte della regione, con più insistenza sulla provincia di Potenza, mentre a Matera la neve cade a tratti. A Potenza decisa la chiusura delle scuole. Stamani è stata decisa la sospensione dell'attività didattica anche all'Università, fino a mercoledì 8 febbraio. La Fiat ha deciso di sospendere la produzione nello stabilimento di Melfi (Potenza) per tutta la giornata.

MOLISE - Continua l'emergenza su gran parte della provincia di Campobasso dove nelle ultime ore é ripreso a nevicare. Disagi in nottata per i viaggiatori di due treni a lunga percorrenza.

CAMPANIA - Pesanti i disagi a causa della neve nelle province di Avellino e Benevento e nelle aree montuose del Salernitano. Scuole chiuse in molti comuni, forze dell'ordine mobilitate per centinaia di richieste di intervento; nel Sannio i carabinieri hanno accompagnato sui propri fuoristrada alcuni medici impossibilitati a spostarsi. Imbiancate le zone collinari dell'isola di Ischia. E' caduta la neve anche a Napoli ma solo nel quartiere Camaldoli, a oltre 400 metri di altitudine.

PUGLIA - Non esistono situazioni di criticità in Puglia ad eccezione della formazione di ghiaccio su alcune strade in provincia di Foggia, particolarmente nella zona garganica e del Subappennino dauno, e sulle alture dell'Alta Murgia barese. Prefetture e amministrazioni comunali monitorano la situazione; sono previste per le prossime ore un'accentuazione delle precipitazioni, anche sulle zone costiere sferzate da una forte tramontana, e una ulteriore diminuzione delle temperature.

CALABRIA - Neve sull'autostrada Salerno - Reggio Calabria, sui rilievi della Sila, dell'Aspromonte e del Pollino. Pioggia e temperature sempre più basse anche nel resto della regione. Sull'A3 sono presenti pattuglie interforze che stanno attuando il filtraggio dei veicoli che non sono muniti di catene a bordo. Per i mezzi pesanti diretti a nord deviazione sulla statale 18 da Falerna a Lagonegro.

SICILIA - Cime delle montagne imbiancate per il calo delle temperature: la neve cha ha coperto i rilievi dei Nebrodi e delle Madonie.

SARDEGNA - Ha ripreso a nevicare in tutto il Nuorese, in Gallura e anche in città a Sassari. Le maggiori difficoltà per le strade ghiacciate si sono registrate in Barbagia.

fonte Ansa