Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Pescocostanzo (L'aquila, Abruzzo) - 24 Agosto 2017

Disegno " Vittoria Colonna " dell' artista Cesare Giuliani .

Disegno
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp
di Vasto
Il disegno di " Vittoria Colonna " del noto e stimato artista vastese Cesare Giuliani stravolto ed utilizzato per promuovere la manifestazione storica a Pescocostanzo (Aq) .
Il disegno “ Vittoria Colonna ”, dell’artista Cesare Giuliani è stato utilizzato per promuovere la manifestazione storica del 24 agosto 2017 che rievoca la visita della Marchesa Vittoria Colonna a Pescocostanzo (Aq).
Orgoglio ed amarezza, di un vastese che con i suoi amici di Castel di Sangro è stato spettatore della rievocazione storica della visita della Marchesa a Pescocostanzo.
Orgoglio per aver visto su brochure, manifesti e stendardi della manifestazione il disegno di Vittoria Colonna realizzato dal pittore vastese Cesare Giuliani, amarezza perché sul disegno è stato sovrapposto dal grafico elementi discordanti, un panneggio colorato e una pergamena e per finire una sfumatura eccessiva sotto l’avambraccio destro, artificio al quanto scolastico per coprire la firma dell’autore.
Le opere del Maestro non si riconoscono dalla firma apportata su di esse, ma dal Pathos che intinge su ogni sua creazione, che non sono conosciute solo nell’ambito locale ma nazionale, basti pensare che il disegno in questione è stato pubblicato sull’enciclopedia online Wikipedia.
Da ricerche eseguite sul Web ho potuto constatare che anche nell’anno 2016 è stato usato lo stesso disegno per promuovere la manifestazione senza autorizzazione del pittore, credo che sia opportuno che i curatori dell’evento, cioè l’associazione pensionati Pescocostanzo con il patrocinio del comune e il grafico, devono delle scuse al nostro amato pittore per aver adoperato un suo bellissimo disegno senza autorizzazione e chiedere il permesso per continuare ad utilizzarlo nelle prossime edizioni.