Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Enna (Sicilia) - 14 Maggio 2017

Campionato Italiano 2017 di Tiro con l'arco storico. San Marco d'Alunzio conquista il titolo di CITTA' VICE CAMPIONE D'ITALIA

Campionato Italiano 2017 di Tiro con l'arco storico.  San Marco d'Alunzio conquista il titolo di CITTA'  VICE CAMPIONE D'ITALIA
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp
Più di duecento arcieri venuti da tutta italia hanno dato vita a Enna ad un magnifico campionato Italiano assoluto per città di tiro con arco storico alla presenza della massima autorità della lega arcieri medievali il presidente Carlos Alberto Owen, già in mattinata nella splendida location della torre di federico II la gara prendeva vita, le squadre organizzate in pattuglie si sfidavano su bersagli che rappresentavano spaccati di vita medievale, la caccia,il gioco,la battaglia.
Dopo una breve pausa ristoratrice, gli arcieri hanno affrontato le fasi eliminatorie in pieno centro storico a Enna, solo le squadre migliori proseguivano il loro percorso, prima le migliori 8, poi le migliori 6 e infine La finale dove approdavano direttamente la squadra di Enna (gruppo storico medievale) e gli arcieri di San Marco seguiti anche dagli arcieri di Capizzi dopo un avvincente spareggio all’ultima freccia
Tiratissima la finale dove le terne di arcieri per enna ( Ludovico Vella, Giacomo Buda e Maicol Acciaio ) di San Marco (Roberto Patroniti, Antonio Notaro,Salvatore Tortorici) e Capizzi ( Giacomo Stanzù, Antonino Stanzù, Marino Emanuele) i bravissimi arcieri delle tre città davano vita a una sfida avvincente che vedeva prevalere i Ragazzi di Enna i quali si aggiudicavano il titolo di città campione d’Italia di tiro con arco storico, seconde ed entrambe vice campione d’Italia San marco d'Alunzio e Capizzi
Applauditissimi da un numerosissimo pubblico le squadre vincitrici venivano premiate dal presidente nazionale della L.A.M e dai vertici istituzionali continuando la festa iniziata la settimana precedente con le manifestazioni in onore di Federico II e dandosi appuntamento per il prossimo anno e alla prossima finale.