Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Casamicciola Terme (Napoli) - 6 Novembre 2008

Cotinuano Lavori X Pompa Benzina Accanto Eliporto

Cotinuano Lavori X Pompa Benzina Accanto Eliporto
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
Fotografia pubblicata da Gennaro Savio, Direttore di PCIML-TV, www.mogulus.com/pcimltv.
NONOSANTE LE ZONE D'OMBRA PRESENTI NEL "PERMESSO A COSTRUIRE", NONOSTANTE MANCHI IL PARERE DELL'ENAC, NONOSTANTE IN UN FUTURO NON MOLTO LONTANO L'ELIPORTO DELL'ISOLAD'ISCHIA POTREBBE ESSERE DICHIARATO NON PIU' INAGIBILE E NONOSTANTE LE FORTI DENUNCE GIORNALISTICHE, CONTINUANO SENZA SOSTA I LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DI UNA POMPA DI BENZINA ACCANTO ALL'ELIPORTO DELL'ISOLA D'ISCHIA. NELLA FOTO SI NOTA COME IL CANTIERE CONTINUA AD ESSERE ALLARGATO VERSO IL COMUNE DI ISCHIA.
L'isola d'Ischia ritornerebbe indietro di decenni e gravissime sarebbero le ripercussioni soprattutto a livello sanitario
LA POMPA DI BENZINA ERG POTREBBE COMPROMETTERE L'AGIBILITA' DELL'ELIPORTO
Intanto il Direttore di PCIML-TV Gennaro Savio ha realizzato un nuovo servizio giornalistico contro la realizzazione della pompa di benzina accanto all'eliporto.
dalla Redazione di PCIMLTV*
Continuano senza sosta e in tutta fretta, i lavori per la realizzazione di un impianto di carburanti Erg sugli scogli e nell'area di servizio della ex Strada Statale 270 di Casamicciola Terme, proprio accanto all'eliporto dell'isola d'Ischia. Dopo le forti denunce giornalistiche fatte dal Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista attraverso PCIML-TV, circa l'inopportunità di realizzare accanto all'eliporto una pompa di benzina che successivamente potrebbe causarne addirittura l'inagibilità, sull'isola d'Ischia divampano le polemiche. Nei precedenti, attraverso i servizi giornalistici che abbiamo realizzato, avevamo mostrato le immagini diurne dell'atterraggio e del decollo degli elicotteri delle Forze dell'Ordine e del 118 sull'eliporto di Casamicciola. Avevamo testimoniato con immagini eloquenti che durante le delicate operazioni di atterraggio e di decollo degli elicotteri e per ovvie ragioni di sicurezza, i Vigili Urbani sono costretti a bloccare il traffico sulla ex Strada Statale in entrambi i sensi di marcia con la presenza sul posto dei Vigili del Fuoco. Ci siamo da sempre chiesti con stupore, cosa succederà quando in quel piccolo fazzoletto di strada ci saranno il distributore di carburanti, le auto in attesa di fare benzina e le macchine incolonnate lungo la Statale ferme ad attendere l'atterraggio o il decollo dell'elicottero? Chi garantirà la sicurezza di pedoni e automobilisti? E' possibile, ci chiediamo, immaginare la presenza di un benzinaio proprio accanto all'eliporto e in uno spazio ristrettissimo? Intanto la sera del 4 novembre, abbiamo registrato le immagini di un elicottero del 118 nel mentre atterrava e decollava da quell'eliporto. Durante le delicate operazioni di atterraggio e ripartenza abbiamo notato un imponente dispiegamento di Forze dell'Ordine per garantire l'incolumità di automobilisti, pedoni e residenti della zona. Al centro della carreggiata, proprio nei pressi dell'area dove si sta realizzando la pompa di benzina Erg, stazionava un grosso camion dei Vigili del Fuoco pronti ad intervenire per qualsiasi emergenza. Sulla sinistra c'era una pattuglia della Polizia di Stato con gli Agenti che bloccavano il traffico proveniente dal Comune di Lacco Ameno, mentre sulla destra c'erano i Carabinieri che provvedevano a far incolonnare le auto provenienti da Ischia. Dopo aver visto quelle immagini, come si può solo immaginare la presenza di una pompa di benzina accanto all'eliporto?
Intanto, dicevamo, a seguito delle nostre continue denunce giornalistiche, l'opinione pubblica dell'isola d'Ischia si mostra sempre più preoccupata per il futuro dell'eliporto e il dibattito si fa rovente.
La sera del 27 ottobre 2008 a Teleischia, nel corso della trasmissione televisiva l'Isola 7, condotta dal giornalista Amedeo Romano, e dopo la messa in onda di uno dei servizi giornalistici realizzati sul caso da PCIML-TV, in un pubblico confronto all'Assessore casamicciolese ai Lavori Pubblici scappò un affermazione abbastanza preoccupante, con la quale si meravigliava del trambusto in atto per la realizzazione della pompa di benzina e si chiedeva il perchè ad oggi nessuno si era preoccupato per l'agibilità dell'eliporto che fiancheggia la Strada Statale.
All'Assessore Senese rispose immediatamente l'incredulo Ingegnere Peppino Conte che affermò; "Voi vedere che chiuderanno l'eliporto e rimarrà la pompa di benzina?
In effetti in pochi minuti in diretta televisiva, vennero confermate tutte le perplessità che da tempo il Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista sta sollevando circa la possibile pericolosità e l'inopportunità di aprire un distributore di benzina accanto all'eliporto.
Sempre l'Assessore Senese poi, aveva affermato che il Comune di Casamicciola si era dotato di tutti i pareri necessari affinché si potesse procedere alla realizzazione della pompa di benzina. A questo punto abbiamo letto attentamente il "Permesso a costruire" rilasciato all'Erg dall'Amministrazione di Casamicciola e, visto i pareri riportati, ci sembrano molte le zone d'ombra presenti: innanzitutto c'è il parere favorevole all'esecuzione dei lavori da parte della Commissione Edilizia Integrata. A tal proposito ci chiediamo: come ha potuto la commissione edilizia integrata approvare un progetto di allargamento e di modificazione di un tratto di costa in contrasto con quanto prevede il PTP, il Piano Territoriale Paesistico, che non consentirebbe nuove opere lungo la costa e nei porti da quanto ci è stato riferito da fonti certe? E pensare che mentre la normativa vigente a un comune cittadino non consente alcuna nuova realizzazione edilizia, sul lungomare di Casamicciola a una potente multinazionale del petrolio viene consentito, dalle istituzioni e dal potere politico dominante, di modificare lo stato dei luoghi della costa, seppur trattasi della realizzazione di un servizio pubblico, che, però, potrebbe essere facilmente collocato altrove. Questa è la dimostrazione di quanta disuguaglianza sociale genera la società capitalistica che favorisce i potenti e discrimina i deboli.
Ma non è tutto: perché la Sopraintendenza ai Beni Ambientali, dinanzi alla richiesta dell'Amministrazione comunale di Casamicciola e per un'opera con la quale si stanno apportando modifiche allo stato dei luoghi di parte della costa casamicciolese, si è avvalsa del silenzio assenso senza pronunciarsi sulla realizzazione dell'opera? E' normale, ci chiediamo ancora, che si stia letteralmente sbancando parte della scogliera del lungomare casamicciolese e che detriti degli scogli frantumati stiano finendo a mare? Detriti e scogli frantumati potrebbero causare, tra l'altro, anche inquinamento? Chi ci deve dare risposte esaurienti e rassicuranti su questo?
Ma quello che maggiormente sorprende leggendo il "Permesso a costruire", è che manca il parere dell'ENAC, l'Ente Nazionale per l'Aviazione Civile a cui è demandato il compito della sicurezza dei voli e dei passeggeri. Mancando in questo momento l'autorevole parere, a pompa di benzina realizzata potrebbero venir meno i requisiti di idoneità dell'eliporto che verrebbe dichiarato inagibile e inevitabilmente chiuso? E pensare che sono innumerevoli gli ischitani che hanno avuto salva la vita grazie alla presenza di quell'eliporto a due passi dall'Ospedale "Anna Rizzoli" ed è soprattutto per questo motivo che va difeso e salvaguardato da ogni possibile rischio di chiusura. Se in futuro, con la presenza della pompa di benzina Erg, che dovrebbe sorgere su una superficie di circa 1500 metri quadrati, l'ENAC dovesse non consentire più l'atterraggio e il decollo degli elicotteri sarebbe un fatto gravissimo e intollerabile, o meglio una tragedia sociale, per l'intera comunità isolana.www.pciml.org - www.domenicsaviopciml.blogspot.com - www.pcimlischia.blogspot.com - www.mogulus.com/pcimltv