Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo cos├Č potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualit├á possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Scandicci (Firenze, Toscana) - 26 Aprile 2012

Chiusura Sottosquestro Di Radio Studio54

Chiusura Sottosquestro Di Radio Studio54
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
VI METTO UNA NOTIZIA SCONVOLGEWNTE IN ITALIA NON ABBIAMO MAI SENTITO LA CHIUSURA DI UNA RADIO LIBERA CHE NON PRENDE NESSUN FINANZIAMENTO DA NESSUN IMPRENDITORE O DA NESSUNA PARTE POLITICA A FIRENZE ESISTE LA DITTATURA IN TOSCANA E QUESTO SI RTIENE NASCOSTO A LIVELLO NAZIONALE SOTTO POTETE LEGGERE LA NOTIZIA
Firenze - I carabinieri di Scandicci (Firenze) - secondo un lancio Adnkronos - hanno sequestrato stamane le apparecchiature di trasmissione di Radio Studio 54, nota emittente locale che trasmette da Scandicci, famosa per le posizioni controcorrente del suo conduttore di punta, Guido Gheri. L'accusa ├Ę di diffamazione e istigazione all'odio razziale.

A disporre il sequestro preventivo ├Ę stato il pm fiorentino Christine Von Borries, che ha ottenuto la misura dal gip Angelo Antonio Pezzuti. Gheri e un suo collaboratore sono accusati di aver usato epiteti ingiuriosi contro un esperto in sicurezza del lavoro, e di aver usato frasi razziste all'indirizzo di extracomunitari e rom.

"L'indagine - si legge nelle news pubblicate sul sito di Studio 54 - ├Ę nata dalla denuncia di un ex collaboratore della radio che conduceva una rubrica sulla sicurezza sui luoghi di lavoro. Dopo aver lasciato l'emittente, sarebbe stato oggetto di offese e derisioni, almeno in venti occasioni fra il 2010 e l'inizio del 2012. Fra l'altro gli sarebbe stato dato del ┬źmentecatto┬╗. In base a quanto si apprende, i toni dispregiativi e irridenti contro gli extracomunitari si sarebbero alternati anche ad inviti ┬źa tornare a casa┬╗, e all'auspicio che fossero fatti oggetto di interventi dei calcianti del calcio storico fiorentino. I carabinieri hanno quindi proceduto al sequestro preventivo dell'emittente, che ha dovuto quindi interrompere le trasmissioni".