Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Bari (Puglia) - 8 Giugno 2012

Bruciati 22 ettari del Parco Regionale di Lama Balice

Bruciati  22 ettari del Parco Regionale di Lama Balice
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
Per l'ennesima volta la boscaglia della lama Balice ha preso fuoco. E' bastato stavolta un vento di scirocco ed una temperatura elevata unita a qualche probabile mozzicone acceso di sigaretta accesa per distruggere in poche ore 22 ettari di macchia mediterranea.

Prevenire gli incendi nella Lama Balice doveva essere un impegno imperativo per Comune di Bari, Provincia e Comune di Bitonto perché negli anni passati, come ad esempio nel 2007 e 2008, altri incendi di grosse proporzioni avevano semidistrutto la macchia mediterranea e numerosi alberi che compongono l'habitat naturale di un parco che esiste solo a parole e, molte volte, solo per formalità burocratiche e niente più.

Un parco portato alla ribalta quotidianamente dalla cooperativa Tracce Verdi e con iniziative encomiabili dalla associazione Centrodarteottantove di Palese di Piero Pantaleo. Questi due gruppi sono da elogiare in toto perché, prima di tutto, attraverso il loro impegno ed i pochi mezzi a disposizione dimostrano concretamente con tante iniziative turistico-culturali il loro amore verso questo ambiente naturale unico nella provincia di Bari. Un parco che, soprattutto nella parte della via vecchia per Modugno, da tempo subisce ferite mortali di tipo ambientale e strutturali: il ponte sul torrente Tiflis del 1881 sta crollando letteralmente a pezzi .

Le probabilità che anche quest'anno il fenomeno dell'incendio boschivo si potesse ripetere erano alte, tenuto conto che le abbondanti piogge di questi ultimi tempi avevano fatto crescere in maniera rigogliosa tutte le piante della Lama. Era facile immaginare che, una volta rinsecchite, avrebbero formato potenziali accumuli di materiali facilmente infiammabili e che un fiammifero, un mozzicone di sigaretta o qualsiasi altra causa naturale avrebbe innescato incendi di grande portata con tutte le conseguenze del caso.

Per questo alcuni cittadini di Palese tra cui Nicola Macina, Emanuele Maino, Vito Vasile e Pietro , innamorati dell'habitat naturale di "abbasc a l sirr" come viene chiamato a Palese il Parco Lama Balice, invitavano, sin dal 2008 , le autorità competenti a svolgere da subito un'azione preventiva finalizzata ad impedire che incendi di qualsiasi natura potessero distruggere il prezioso patrimonio di flora e fauna della Lama. Oltre alle preoccupazioni espresse, gli stessi cittadini suggerivano di creare barriere tagliafuoco con fasce di aratura lungo il limite e dentro la Lama in punti strategici per arginare o rallentare l'avanzata del fronte del fuoco ( Info http://www.protezionecivilebellizzi.it/viali%20tagliafuoco.htm).

Anche un decespugliamento obbligatorio delle scarpate stradali e delle stesse strade che attraversano la Lama potevano essere utili per limitare il pericolo di incendio, suggerivano sempre gli stessi cittadini. E poi, doveva anche cessare l'uso improprio del territorio e del bosco, l'uso tollerato e compreso del fuoco perché visto come necessità; doveva finalmente morire la triste pratica dell'accensione del fuoco da parte di alcuni contadini che hanno fondi attigui o dentro la Lama "per far pulizia", per distruggere i rovi, i cespugli dei boschi o l'erba secca. Ed ancora, gli stessi suggerivano di attivare tutte quelle apparecchiature che la moderna tecnologia metteva a disposizione: sensori per il fumo collegati via radio con i Vigili del Fuoco(esiste una caserma a poche centinaia di metri in Aeroporto) sistemi di monitoraggio tramite GPS ecc.

Nel 2008, come qualcuno ricorderà, Comune di Bari, Provincia di Bari e Comune di Bitonto stringevano un apposito accordo con l'associazione "Volontari soccorso protezione civile" di Cellamare. Oggetto dell'accordo era quello di predisporre un piano di sorveglianza antincendio nell'area di Lama Balice, 24 ore su 24. Come funzionava il servizio? Una vedetta dell'associazione presidiava la terrazza di Villa Framarino mentre una squadra di tre elementi era destinata all'attività di pronto intervento grazie all'utilizzo di un mezzo leggero. In caso di incendio, i volontari oltre ad allertare vigili del fuoco, corpo forestale dello Stato e polizia municipale, potevano utilizzare un'autobotte fornita da una ditta specializzata nominata dal Comune di Bitonto. L'associazione di volontariato si occupava della prevenzione degli incendi con lo sfalcio dell'erba secca e dei residui di vegetazione altamente infiammabili. L'onere finanziario, per far fronte all'accordo fu di appena 30.000 euro da suddividersi in parti uguali tra i diversi enti interessati

Perché negli anni successivi l'accordo non si è ripetuto? I 22 ettari di boscaglia bruciati si potevano salvare se non in toto almeno in massima parte. La delegata attuale all'ambiente del Comune di Bari, Maria Maugeri, uno dei firmatari di quell'accordo dovrebbe, a parere di molti, farsi carico di ripristinare quell'accordo in sinergia con la Provincia e Comune di Bitonto. Ciò diventa quasi un imperativo se si vuole veramente salvaguardare il Parco.

Alla prevenzione degli incendi boschivi deve essere data una ben definita impostazione culturale, essa deve divenire un patrimonio della coscienza individuale e collettiva e la scuola potrebbe far molto in questo campo. L'incendio del bosco deve cessare di essere lo sfogo per frustrazioni, per proteste contro leggi e regolamenti non accettati o arma per vendette, ripicche o ricatti.
******************************************************
News tratta da www.barilive.it e rilanciata dalla redazione di ColorataTV
foto Gaetano Macina
www.colorata.tv