Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Roma (Lazio) - 6 Marzo 2010

Antonello De Pierro Repubblica corruzione vigili

Antonello De Pierro Repubblica corruzione vigili
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
Il presidente dell'Italia dei Diritti: "Andremo avanti con gli altri incatenamenti annunciati in caso di persistenza del silenzio di Alemanno"


Roma ? Come preannunciato nei giorni scorsi, è iniziata questa mattina davanti alla sede romana del quotidiano "La Repubblica", la serie di incatenamenti di protesta da parte del presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro.

Motivo dell'eclatante gesto del fondatore e leader del movimento, la campagna contro la corruzione di alcuni, tra membri del Corpo della Polizia Municipale e dipendenti degli uffici tecnici comunali del Comune di Roma. Una problematica, sulla quale da tempo il movimento a difesa del cittadino interroga le istituzioni, chiedendo la rotazione intermunicipale dei vigili urbani e degli impiegati delle U.O.T. dei Municipi. Duro l'attacco di De Pierro alla giunta capitolina:" Occorre prestare più attenzione nei confronti di un problema che oltre a ledere i diritti dei cittadini, minaccia l'imparzialità e la trasparenza nell'espletamento delle funzioni della Pubblica Amministrazione, principi sanciti costituzionalmente dall'articolo 97". Numerose le iniziative portate avanti dall'Italia dei Diritti di fronte al reiterato silenzio del sindaco Gianni Alemanno e alla mancata convocazione di un tavolo di discussione con le istituzioni. Trentamila le firme raccolte a sostegno della battaglia, mentre un apposito gruppo sul social network Facebook ha raggiunto circa quattromila iscrizioni. Ma il presidente De Pierro annuncia altri incatenamenti nelle prossime settimane, davanti a siti istituzionali e sedi di altri giornali e televisioni, non escludendo in caso di persistenza di silenzio e immobilismo da parte delle autorità competenti "il ricorso a forme più radicali di lotta non violenta, per sradicare questo malcostume".