Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Torino (Piemonte) - 17 Novembre 2017

Aggressione autobus Torino: identificato l'autore dai CC

Aggressione autobus Torino: identificato l'autore dai CC
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER- WhatsApp
Identificato l’autore dell’ aggressione alla minore aggredita il 10 novembre


In data 15.11.2017 veniva identificato il soggetto autore dell’aggressione a sfondo razziale ai danni di soggetto minore avvenuta il 10.11.2017 a bordo dell’autobus di linea cittadina n. 63.
L’identificazione è avvenuta a seguito di intense indagini svolte dai Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia di Rivoli e della Stazione di Grugliasco che, attraverso l’acquisizione dei filmati del sistema di video sorveglianza dell’autobus e delle informazioni relative alle obliterazioni e ai passaggi registrati sullo stesso mezzo nel giorno e nell’ora dei fatti, hanno accentrato la loro attenzione su un soggetto poi riconosciuto con assoluta certezza dalla persona offesa come l’autore del fatto commesso ai suoi danni.
Si tratta di soggetto, di fatto privo di fissa dimora, già conosciuto alle forze dell’ordine, denunciato all’Autorità Giudiziaria e segnalato ai servizi territoriali a seguito di episodi caratterizzati da comportamenti antisociali conseguenti ad abuso etilico e/o di sostanze stupefacenti, già sottoposto negli anni passati a trattamento sanitario obbligatorio.
Ferma restando l’impossibilità giuridica – vista la pena massima prevista per il reato per cui si procede – di richiedere la misura cautelare della custodia in carcere, la Procura sta ora valutando possibili iniziative da assumere, nell’ambito delle proprie competenze, al fine di favorire un percorso di contenimento della pericolosità sociale del soggetto, evidentemente connessa alla sua situazione di “disagio”.
La Procura della Repubblica di Torino esprime comunque soddisfazione per la rapidità e l’esito delle indagini svolte dai Carabinieri, auspicando che futuri simili casi non abbiano a verificarsi o che possano essere sventati e/o contenuti grazie l’intervento solidale delle persone presenti. Fonte Procura della Repubblica Torino