Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.
Cosenza, Calabria - 16 Agosto 2011

Auricchio Come L'inter....

Auricchio Come L'inter....
Condividi su FACEBOOK- Condividi su TWITTER-
L'Inter come Auricchio


... scopre solo adesso che Mediaset è vicina al Milan

Forte come inizio vero?!

Chi lo avrebbe immaginato un accostamento "ideale" così forte, tra l'inter e il Ten. Col. Auricchio?

L'inter da un lato, Auricchio dall'altro... uniti da quel fil rouge mai tanto evidente come per farsopoli.

Bene, venerdì (ndr), il Corriere dello Sport di Vocalelli (il direttore che consigliò Cobolli-Gigli di non adire al Tar), decide di sbattere in prima pagina e titolare a nove colonne che mediaset fa infuriare l'inter!

Ci sarebbe da ridere se non ricordassi in un attimo di straordinaria follia, come, proprio il tenente colonnello in questione, Auricchio, dichiarò durante il processo di Napoli, che...;

Ma andiamo con ordine e diciamo che la querelle nascerebbe da un'incomprensione tra le due squadre meneghine o meglio, nella fattispecie, meglio specificare in questi casi per il sig Auricchio, tra l'inter e la tv commerciale Mediaset di Berlusconi che è anche presidente del Milan oltre che della stessa tv, rea di aver mandato in onda un filmato, non autorizzato dai vertici neroazzurri, in cui il giocatore Stankovic, si infortuna durante l'allenamento, alla vigilia del derby che vedrà contendersi la supercoppa italiana!!
Che guaio!! ora vaglielo a spiegare a Auricchio!
Sembra infatti che i vertici interisti avessero proibito a Mediaset la divulgazione di tale filmato, ma si sa che quando il diavolo -è il caso di dirlo- ci mette la coda...!!

E siamo quindi al:
"Piaccia o non piaccia... Mediaset è vicina la Milan"!!
Eccolo l'incipit di una ormai celeberrima frase di NARDUCCI al processo di Napoli!

Ecco invece come ti sconfesso il CREDO di un attento AURICCHIO in fase investigativa, che a Napoli ebbe l'ardire (in pubblica piazza e in pieno delirio di onnipotenza), sottoposto alle domande di fuoco dell'Avv.
Prioreschi : «Lei ha mai sentito parlare di Mediaset, del Milan, di chi è il padrone del Milan..? »
Auricchio: "Non mi risulta che la società di calcio controlli questo"!
Oibò, verrebbe da sussultare...ma dove ha vissuto questo signore sino a oggi??!!
Ma vi è di più, infatti, il "torchio" Avv. Prioreschi sempre più incalzante nelle domande, a un certo punto gli chiede: «Che Tronchetti Provera sia socio in alcune emittenti...»
Auricchio: «Non mi risulta»
Casoria: «Vabbè vabbè andiamo avanti». (riporto volutamente un commento laconico ma significativo del Giudice)
Oibò, verrebbe da RI-dire, possibile??!!

A distanza di pochi anni e con una ricerca spasmodica della verità, grazie al pool difensivo di Moggi e a quello fuoriuscito ad oggi da Napoli, ci aspettiamo ancora qualche bella sorpresa in verità, sempre più a favore degli imputati.
Oggi lo scenario sembra essere cambiato radicalmente, rispetto agli anni di "piombo" del giornalismo italiano!!

Nessuno, infatti, avrebbe mai e poi mai immaginato che il sig. Moratti solo qualche settimana fa, se la prendesse e si scagliasse contro la "Gazzetta rosa", amica di famiglia, tanto da fargli dichiarare "Non leggerò più la gazzetta, perchè vi è stato un attacco calcolato all'inter"!

Lesa maestà e attacco al re-petroliere italiano da parte del quotidiano milanese?
Forse la gazzetta, analizzando le intercettazioni provenienti da Napoli di Giacinto Facchetti, poneva finalmente l'accento, sulla presunta onestà interista?!

Bene, così, dopo le parole al fulmicotone del presidentissimo dei neroazzurri contro il giornale rosa, creando non poco sconquasso ai piani alti della rosea, la risposta del direttore, Andrea MONTI, non si fa attendere: "Sulla Gazzetta non è mai comparso un rigo che abbia oltraggiato la memoria di Giacinto Facchetti o che lo abbia equiparato a Moggi sul piano delle responsabilità. Al contrario, ho e abbiamo sempre scritto che nulla potrà scalfire il suo monumentale profilo di uomo e di atleta. Su questo punto, almeno su questo, vorrei da Moratti un'onesta correzione di rotta".

Ora, a parte le offese a Moggi, definirei questa parte finale dell'arringa difensiva del direttore Monti, sublime, sottile, trasparente, pungente e tanto piccante, tanto da far fischiare le orecchie a tutti gli interisti, che di certo onesti non lo sono mai stati e mai lo saranno!

Ognuno di voi, poi, da questa frase, tragga le proprie e giuste conclusioni, io l'ho fatto ma per decoro e rispetto mi astengo dall'esternarle!

Più visti della settimanaTutti