Stai usando una versione obsoleta di Explorer. Aggiorna alla versione 10
Fallo subito! Solo così potrai caricare i video su YouReporter e vederli alla miglior qualità possibile. Oppure usa Firefox o Safari.

Sta accadendoTutti

Poco fa
Le ultimissime immagini
FORTI MAREGGIATE IN SICILIA - INVIA ANCHE TU FOTO E VIDEO

Mareggiate e forte vento in arrivo sulla Sicilia. Banchina distrutta dalla forza delle onde a Sant'Agata di Militello (Messina) VIDEO. In arrivo precipitazioni nelle prossime ore. Sei stato anche tu in Sicilia? Invia foto e video, anche in hd.

Hai anche tu un video o delle foto? Non aspettare. Condividi la tua testimonianza su YouReporter.it
SARDEGNA, VENTO E ONDE RECORD - INVIA ANCHE TU FOTO E VIDEO

Raffiche di vento eccezionali e onde superiori a 11 metri hanno colpito la Sardegna nella giornata di mercoledì: TUTTE LE IMMAGINI. Zona per zona: STINTINO - SASSARI. Mare grosso, allarme rosso aeronautica militare: - ONDE 11 METRISei anche tu nelle zone colpite dal maltempo? Invia anche tu foto e video.

Hai anche tu un video o delle foto? Non aspettare. Condividi la tua testimonianza su YouReporter.it

Video-storie Tutte

  • Muro anti-clandestini in Bulgaria
    Muro anti-clandestini in Bulgaria
    Una rete metallica con filo spinato e telecamere per contrastare l'immigrazione clandestina in Bulgaria, al confine con la Turchia. Con il finanziamento dell'Unione Europea
  • Tromba d'aria Rimini-Riccione
    Tromba d'aria Rimini-Riccione
    Trombe marine segnalate in queste ore sulla costa adriatica, tra Rimini e Riccione
  • Raffiche di vento 22 ottobre
    Raffiche di vento 22 ottobre
    Forti raffiche di vento flagellano la Penisola. Attesi nelle prossime ore rovesci sul nord e abbassamenti di temperatura. In poche ore, il passaggio dall'estate all'autunno
  • Maltempo, i resti di Gonzalo sull'Italia
    Maltempo, i resti di Gonzalo sull'Italia
    Nuova ondata di maltempo sull'Italia, esaltata dai resti dell'uragano Gonzalo che, ormai declassato a tempesta, è giunto in Inghilterra. Tempereature in discesa e forti venti.
bulgaria - 21 Ottobre 2014, di YouReporterNEWS. Si "difende" l'Europa. E lo fa alzando un muro ad est dei suoi confini. Alla frontiera tra la Bulgaria e la Turchia da meno di un anno, un reticolato lungo 30 chilometri ed alto tre e mezzo è stato realizzato per fronteggiare l'immigrazione clandestina. Un progetto fortemente voluto dal governo bulgaro, attraverso un finanziamento della Unione Europea, per fronteggiare il flusso migratorio clandestino proveniente dal Medio Oriente. Una vera e propria barriera metallica con del filo spinato a proteggere una prima parte di territorio dei 256 km di frontiera con la frontiera europea con il paese mediorientale. In cantiere sono previsti altri 130 chilometri già finanziati, che andranno a proteggere un'area montuosa difficile da controllare tra le città e Elhovo e Svilengrad. E sulle colline che la dividono dalla Turchia, decine di persone attraversano i boschi tentando di superare i controlli della polizia che monitora l'area con un sistema di sorveglianza. Una vigilanza rafforzata anche con agenti a piedi e provvista di mezzi per muoversi sui sentieri tortuosi delle montagne. Sorveglianza che è aumentata anche a Kapitan Andreevo, la frontiera e porta sud-orientale dell’Unione Europea. Dove al giorno centinaia di automezzi entrano in Bulgaria. La border police ha potenziato i controlli. Ogni tir viene esaminato con delle apparecchiature elettroniche in grado di rilevare la presenza di esseri umani all'interno degli autoarticolati. Migranti che arrivano dall'Afghanistan, dall'Iraq e dalla Siria per raggiungere Germania, Italia, Svezia ed Inghilterra. Da settembre con l'avvio della guerra in Kurdistan e con l'avanzata dell'Isis, migliaia di persone in fuga dalle città, si accalcano alla frontiera turca per oltrepassarla tentando di avvicinarsi allo stato Bulgaro. Viaggi molto lunghi, della durata di mesi e dai costi enormi, pagati fino a 4 mila dollari. Un esodo che ha trovato impreparata la Bulgaria che per la prima volta ha dovuto affrontare la questione immigrazione. Per ospitare i rifugiati sono stati allestiti centri di accoglienza nelle zone che si affacciano alla frontiera. In alcuni casi il parlamento ha dato autorizzazione ad aprire vecchie caserme militari abbandonate dove poter ospitare migliaia di profughi. Anche in alcuni quartieri di Sofia si è dato alloggio a centinaia che attendono di ricevere lo status di rifugiato politico. Ma nei centri di accoglienza non mancano i problemi, come ha raccontato chi vive all'interno. Dalla mancanza di riscaldamento negli edifici militari in disuso, alle stanze condivise con altre sette, otto persone. Un'emergenza sanitaria che potrebbe esplodere all'improvviso, come spiega il responsabile del centro d'identificazione a Pastrogor, se continueranno ad arrivare profughi dalle zone di guerra. di GIAMPIERO DE LUCA

Video trasmessi in TV e onlineTutti

stintino - 22 Ottobre 2014, di YouReporterNEWS. Onde eccezionali sulle coste occidentali sarde.
giulianova - 22 Ottobre 2014, di valentinoferrante. Porto di Giulianova (TE) improvvisa tempesta di sabbia